Mario Lupo, Berzano San Pietro
Attualità
Lettera anonima

Berzano San Pietro, “Il paese è pieno di migranti”, sotto tiro il sindaco Mario Lupo

Una lettera anonima diffusa in paese si scaglia contro le politiche di accoglienza, attive già dal 2015

Non ha avuto un fine d’anno sereno Mario Lupo, sindaco di Berzano San Pietro. Un cittadino ha voluto fargli avere un messaggio non proprio amichevole attraverso una lettera anonima in cui si scagliava contro le politiche di accoglienza della sua amministrazione, rea di «aver riempito il paese di migranti». La lettera è stata fatta circolare sui gruppi Whatsapp e ha avuto subito eco tra i cittadini e nei paesi limitrofi.

«Sono episodi che demoralizzano un po’ chi amministra da tanto tempo il paese – commenta il sindaco Lupo – non tanto per il messaggio, che può essere figlio dei tempi che viviamo, ma quanto per le modalità. Siamo una piccola comunità e credo di essere stato sempre disponibile ad ascoltare anche i commenti non favorevoli. Questa persona poteva bussare alla mia porta. Non avere avuto il coraggio di firmare la lettera mi fa pensare ad una persona che non ha il coraggio delle sue azioni».

A Berzano San Pietro l’accoglienza dei migranti è una pratica ormai consolidata, portata avanti insieme alla Prefettura già dal 2015. Oggi la comunità dei migranti si è ampliata con due famiglie di profughi afghani ospitate in una casa donata al Comune dalla famiglia Mondo.

«Non nego – continua il sindaco – che nel 2015 ci fu qualche protesta dei cittadini, dettata molto probabilmente dalla diffidenza. Ma nel tempo i progetti di accoglienza sono andati avanti senza particolari problemi. Un solo episodio di “disturbo” lo abbiamo avuto con un profugo etiope, ma si trattava di una persona che aveva problemi di alcol».

Il sindaco, giunto ormai alla conclusione del suo secondo mandato, preferisce concentrarsi sui progetti da portare a conclusione nel 2023: «Abbiamo circa un milione di euro di progetti già finanziati per la sistemazione della viabilità e della prevenzione del dissesto idrogeologico – conclude Lupo – entro pochi giorni inaugureremo i locali comunali concessi per l’apertura di un bar-negozio. Le cose da fare sono ancora tante. Poi potrò lasciare l’amministrazione a chi potrà fare meglio di me».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo