IMG-20210601-WA0020
Attualità
Patriarca della Provincia di Asti

Canelli ha festeggiato i cento anni di Catterina Bocchino

Presenti autorità politiche ed istituzionali

Ieri, lunedì 31 maggio, nel cortile della Casa di Riposo Città di Canelli Giulio e Rachele Bosca, è stata festeggiata la centenaria Catterina Bocchino, nata il 31 maggio del ’21 a Canelli, sposata con il signor Surano. Da giovani si sono trasferiti a Torino per esigenze di lavoro. Hanno avuto un figlio, Valter, e dopo anni sono ritornati nell’astigiano, a Loazzolo, dove hanno vissuto in campagna.

Catterina è stata festeggiata dagli ospiti della struttura, dalla direttrice Simona Amelio, dal personale sanitario e dai volontari. Anche gli amministratori locali hanno fatto visita alla neocentenaria per porgere gli auguri in rappresentanza dei propri enti: la consigliera provinciale Angelica Corino, delegata dal presidente della Provincia Paolo Lanfranco, il vice sindaco di Canelli Paolo Gandolfo e il sindaco di Loazzolo Claudia Demaria.

La consigliera Corino le ha consegnato l’attestato di “Patriarca della Provincia di Asti” accompagnato da alcune pubblicazioni dell’ente e del consueto omaggio della ditta “Punto Bere” di Canelli, il famoso “Amaro del Centenario”.  Alla cerimonia è intervenuto anche il Parroco di San Tommaso, Don Mario Montanaro, per un momento di raccoglimento.

Nella foto: la neocentenaria Catterina con gli amministratori Corino (Provincia) Gandolfo (Canelli) e Demaria (Loazzolo)

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo