La Nuova Provincia > Attualità > Canelli, la vecchia sede della scuola Giuliani apre di nuovo a due classi
Attualità Canelli e sud -

Canelli, la vecchia sede della scuola Giuliani apre di nuovo a due classi

Mentre non è ancora stata trovata una soluzione per la scuola media Gancia

Per rispettare il distanziamento

Si delineano i criteri per l’apertura delle lezioni a settembre. Distanziamento e contrasto alla diffusione del Covid-19, lezioni in presenza e ricorso all’insegnamento “a distanza” sono ancora le incognite che pesano sull’avvio dell’anno scolastico. Canelli si prepara alla riapertura tornando, in parte, all’antico. L’ex scuola Giuliani, oggi centro servizi “Bocchino”, sarà la “casa” per almeno due classi delle primarie oggi nello stabile di piazza della Repubblica. Lo ha confermato nel corso dell’ultimo consiglio comunale Raffaella Basso, assessore all’istruzione, su sollecitazione di Fausto Fogliati che chiedeva conferme sulla ripartenza scolastico di settembre. L’assessore ha confermato che «le voci sono veritiere. Due classi della primaria, una quarta e una quinta del “Giuliani” torneranno nell’antica sede. Abbiamo trovato due stanze che rispettano i parametri in grado di assicurare le lezioni in presenza».

Dopo vent’anni tornano gli scolari

Scelta scaturita dopo un attento sopralluogo di una task force composta da tecnici comunali e la dirigenza dell’istituto comprensivo. La campanella tornerà a risuonare, dunque, nell’edificio che sino a vent’anni fa aveva ospitato l’omonima scuola, ora sede dell’Agenzia delle Entrate, dello Iat e dell’Enoteca Regionale di Canelli e dell’Astesana con annesso ristorante. Era stata la stessa Basso ad assicurare, alcuni giorni fa, sulla volontà di individuare spazi adeguati in vista del ritorno a scuola con le nuove norme e, soprattutto, la garanzia delle lezioni in aula.

Per le medie si partirà con lezioni a distanza

Per la secondaria di primo grado “Gancia”, invece, «stiamo ancora cerando i locali in grado di ospitare tutti gli studenti seduti ai banchi. Ma la problematica, ora, è la mancanza di docenti e sarà automatico avviare lezioni a distanza». I ragazzi delle medie potranno contare sulla palestra del Palazzetto dello sport per le ore di educazione fisica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente