Canelli, le firme contro la viabilitàtoccano quota duemila
Attualità

Canelli, le firme contro la viabilità
toccano quota duemila

Sono quasi duemila le firme raccolte contro la viabilità del centro. Duemila cittadini che aderendo all’iniziativa di “Canelli in centro” del gruppo consigliare “Canelli Viva” di Simona

Sono quasi duemila le firme raccolte contro la viabilità del centro. Duemila cittadini che aderendo all’iniziativa di “Canelli in centro” del gruppo consigliare “Canelli Viva” di Simona Bedino hanno voluto dire no all’inversione dei sensi di marcia e alla pedonalizzazione di piazza Amedeo d’Aosta, cuore commerciale di Canelli. L’iniziativa ha così coinvolto trasversalmente le diverse anime della città, dai residenti ai commercianti, senza per forza volersi legare ad un colore politico ma semplicemente, dicono da “Canelli Viva”, di voler esprimere un disagio.  La quantità di firme raccolte è tale da aver stupito gli stessi organizzatori, i quali chiuderanno la petizione mercoledì 8 aprile. Il venerdì successivo, i consiglieri Simona Bedino, Alessandro Negro ed Elena De Lago depositeranno un ordine del giorno per il Consiglio Comunale di fine mese, al quale verranno allegate anche le firme.

Lo scopo è quello di chiedere all’assemblea di rimettere mano alla viabilità, ripristinando la circolazione al modello precedente l’estate 2014 ed eliminando, di conseguenza, la pedonalizzazione della piazza e reinvertendo il senso di marcia di via Massimo d’Azeglio. «Questa volta non chiederemo al sindaco di decidere ma coinvolgeremo direttamente i singoli consiglieri, di maggioranza e opposizione. Tutti saranno chiamati ad esprimere il proprio voto, a metterci la faccia e ad assumersi le proprie responsabilità nei confronti di un provvedimento fortemente contestato dai cittadini. Per questo invitiamo i canellesi a prendere parte alla seduta del consiglio. Per guardare in faccia chi si ostina a difendere questa viabilità» chiosa Alessandro Negro di “Canelli Viva”.

A supporto del suo ragionamento, Negro porta un recente fatto: «Mercoledì sera, verso le 18, via Alfieri e via G.B. Giuliani sono rimaste intasate dal traffico per svariati minuti. Questo perché non esiste più lo sfogo di via Roma, che dopo le 17 rientra nell’isola pedonale mentre il semaforo posto su viale Risorgimento, particolarmente lento, non permette alle macchine di defluire. E’ evidente che la viabilità, così impostata non funziona». Ad essere sotto accusa, il modello voluto dall’amministrazione comunale ma non l’idea di per sé, aggiunge Negro. «Il nostro gruppo è favorevole alla pedonalizzazione del centro. Tutti ci rendiamo conto che se si parla di una politica volta allo sviluppo turistico è necessario offrire ai visitatori spazi interdetti al traffico. Quello che proponiamo, è di ripristinare la viabilità originaria e da lì ripartire con un ragionamento efficace».

Lucia Pignari

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo