La Nuova Provincia > Attualità > Canelli, secondo decesso di una persona positiva al Covid 19
Attualità Canelli e sud -

Canelli, secondo decesso di una persona positiva al Covid 19

L'uomo è mancato nella notte. Era positivo ma anche affetto da gravi problemi di salute pregressi

Triste aggiornamento

Lunedì sera erano saliti a tre i contagiati da coronavirus a Canelli. Lo aveva comunicato il sindaco Paolo Lanzavecchia con un post sul sito istituzionale del Comune. Numero rettificato stamane quando, in un comunicato pubblicato sulla pagina fb dell’ente, ha informato che «un altro concittadino affetto da Covid-19 è mancato nella notte». Salgono così a due i decessi in città, anche se il primo cittadino chiarisce che «tale persona, affetta da patologie pregresse, è deceduto con il coronavirus ma non con effetto esclusivo del virus».

Due persone in ospedale

 

Rimangono, quindi, due i casi «di positività ricoverati in ospedale. Le quarantene disposte dall’Asl sono passate da 8 a 11, soggetti che stanno bene e che non presentano alcun sintomo«. Specificando che «a seguito di domande pervenute in Comune, preciso che a queste persone (gli 11 cittadini in isolamento domiciliare n.d.r.) il Servizio di Igiene di Sanità Pubblica non effettua il tampone non presentando sintomi tipici della malattia. Sempre ed una sola raccomandazione: state a casa!».

Ancora troppa gente a passeggio

Il sindaco ha anche invitato al rispetto delle norme contenute nei vari decreti emessi dal governo e dalla Regione. «Come avrete capito l’emergenza è ancora nella sua fase più acuta. Occorre pertanto il rispetto rigoroso delle norme da parte di tutti noi». Ricordando, poi, l’ordinanza regionale che impone ulteriori limitazioni, stigmatizza l’abitudine alla “sgambata” quotidiana. Scrive Paolo Lanzavecchia: «Le forze dell’ordine mi segnalano troppi cittadini a passeggio in zone distanti dalla propria abitazione e in particolar modo in regione Aie, località Villanuova e Sant’Antonio. Tali comportamenti verranno sicuramente sanzionati in maniera rigorosa».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente