La Nuova Provincia > Attualità > Canelli, un concorso per eleggere il “pittore di fuoco e colore” più social
Attualità Canelli e sud -

Canelli, un concorso per eleggere il “pittore di fuoco e colore” più social

Trenta opere in concorso che saranno svelate all'inaugurazione di oggi pomeriggio, sabato, alle 17

Inaugurazione oggi alle 17

Il lockdown non ha fermato l’estro e la fantasia degli artisti. E la ripesa parte anche da qui. Sabato 20 giugno, alle 17, sarà inaugurata presso il Salone Riccadonna di corso Libertà la mostra di pittura “Fuoco e Colore 2020”. La rassegna nasce dalla passione per l’arte e la comunicazione visiva di Barbara Brunettini (nella foto) e Stefano Sibona. legata al concorso di pittura indetto da ll Segnalibro di Canelli, è può contare sulla partecipazione di trenta pittori locali tra adulti e ragazzi che si sono messi alla prova sul tema “La pittura incontra il cinema”.

Una trentina di opere in concorso

«Le opere in concorso sono molte e di varia natura, dai dipinti ad olio o ad acrilico su tela o cartone telato agli acquerelli su cartoncino, dalla pittura su ceramica e porcellana alla grafite su carta – spiega Barbara Brunettini -. Per tutta la durata dell’esposizione i visitatori potranno indicare in maniera anonima le opere preferite nella categoria adulti e ragazzi. Accanto a questa “giuria popolare” una giuria tecnica segnalerà le tre opere più meritevoli nelle due categorie».

Giuria popolare e giuria tecnica

Dalla somma dei voti assegnati da entrambe le giurie dal quale scaturiranno i vincitori che saranno premiati il 5 luglio alle 17. Parallelamente alle votazioni tradizionali, sulla pagina facebook “Barbara Brunettini Segnalibro” verranno contati i “Mi piace” alla voce “Fuocoecolore2020” ricevuti dalle opere e al termine dell’esposizione verrà proclamato “iI pittore più social di Fuoco e Colore 2020”

La mostra è visitabile ad ingresso libero tutti i giorni dal 20 giugno al 5 luglio dalle 10,30 alle 12 e dalle 17 alle ore 19.

Parallelamente verranno esposte anche opere dell’astigiano Gabriele Sanzo e Luigi Amerio di Fontanile.

Articolo precedente
Articolo precedente