Castigliano, motori, moda e meccanicaPorte aperte alla scuola
Attualità

Castigliano, motori, moda e meccanica
Porte aperte alla scuola

«Il Castigliano è una scuola in salute e ha attivi nove corsi frequentati da più di 800 alunni. Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un costante incremento delle iscrizioni e ad un significativo

«Il Castigliano è una scuola in salute e ha attivi nove corsi frequentati da più di 800 alunni. Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un costante incremento delle iscrizioni e ad un significativo miglioramento qualitativo per quanto concerne l’offerta formativa». A parlare è Ugo Rapetti, preside dal 2003 dell’istituto professionale di via Martorelli.

«Sono molto soddisfatto del percorso compiuto dalla scuola in questi dieci anni – continua il dirigente – poiché abbiamo introdotto importanti ed apprezzate novità come, ad esempio, il corso di operatore e manutentore dell’abbigliamento e della moda che è attualmente frequentato da 170 ragazze o ancora il percorso didattico per formare operatori socio sanitari. Quest’indirizzo si differenzia dagli altri nostri corsi tradizionali perché è quinquennale non prevedendo tappe intermedie e può avere come naturale sbocco il proseguimento della formazione presso la facoltà di infermieristica del polo universitario Astiss. Inoltre sabato 26 gennaio, in occasione dell’open school che si svolgerà dalle 15 alle 18, presenteremo una nuova qualifica triennale riconosciuta a livello europeo per operatori del benessere che potranno trovare occupazione nei saloni di acconciatura o nei centri estetici».

Oltre ai suddetti corsi l’istituto professionale Castigliano conferma per l’anno scolastico 2013/14 i tradizionali indirizzi di studio volti a preparare tecnici qualificati nei settori meccanico, termico – motorista, elettrico, elettronico e delle telecomunicazioni. Al termine del terzo anno di frequenza per tutti gli indirizzi attivi, fatta eccezione per il corso quinquennale di operatore sanitario, è possibile sostenere un esame il cui positivo esito consente di conseguire un diploma di “operatore e manutentore” in ambito meccanico, termico – motorista, elettrico, elettronico e delle telecomunicazioni e nei settori dell’abbigliamento e della moda. Tale attestato è rilasciato dalla Regione Piemonte e viene riconosciuto dall’Unione Europea. Dal punto di vista tecnologico, nel corso del tempo, la scuola ha compiuto un rilevante potenziamento delle strutture informatiche con 170 computer disposti nei vari laboratori ed anche alcune lavagne elettroniche nelle classi.

Il Castigliano è poi molto attivo nella ricerca e sperimentazione di nuove metodologie per contrastare il disagio giovanile e la dispersione scolastica e offrire agli allievi opportunità finalizzate a far percepire la scuola non come un ambiente ostile ma come un luogo di aggregazione. Per questa ragione nel 2002 nacque lo Sportello Studenti, un punto di ascolto di “peer education” dove parlare con i compagni di problemi personali, uno spazio dove poter incontrare gli insegnanti che aderiscono al progetto in una veste informale diversa da quella quotidiana, ufficiale. Inoltre lo Sportello, che si avvale della consulenza della psicologa Roberta Allara e dell’educatrice Vanessa Valente (un’ex allieva dell’istituto che aveva già compiuto il servizio civile presso la scuola), organizza corsi di recupero e attività di doposcuola e collabora con varie associazioni astigiane del no – profit aiutando così gli studenti a sviluppare una sensibilità sulle tematiche del volontariato e dell’impegno sociale. Per la sua valenza e per i positivi risultati raggiunti nel contrasto a forme di bullismo e prevaricazione, il progetto ha vinto il premio “Cento Scuole” della Fondazione San Paolo; è finanziato dal Ministero dell’Istruzione, dalla Regione e gode del patrocinio di Comune e Provincia.

Un’iniziativa solidale ancora in fase di svolgimento ma che ha già portato i primi frutti concreti è “Savana Wind”. Due studenti di meccanica, scelti per merito e sottoposti poi a un vero e proprio colloquio di lavoro, si sono recati nel cuore della Tanzania l’estate scorsa con il professor Marengo, coordinatore del progetto, per impiantare una ventola eolica progettata in classe che servirà a portare acqua in superficie e parallelamente produrre energia elettrica a beneficio di una scuola che lì sta sorgendo. I ragazzi di un’altra sezione stanno ora progettando un’altra ventola che sarà costruita “in loco” nel prossimo mese di luglio da due studenti ancora da selezionare. “Savana Wind” si sta rendendo possibile anche grazie al contributo economico di associazioni di volontariato, di privati e con i fondi ricavati da cene di finanziamento.

Dunque, una scuola che si apre sempre di più all’esterno anche con l’ormai mitico “Castigliano Rally Team” del corso motoristi. Dopo aver messo a punto la macchina “Romba1”, già vincitrice di competizioni rallystiche, ora gli studenti stanno preparando “Romba2”, pronta ad aprile. Le ragazze del corso moda, invece, stanno realizzando i costumi per la Tosca in scena il 25 maggio al Teatro Alfieri e gli abiti per la sfilata del Palio per San Lazzaro.  Le iscrizioni al primo anno si ricevono esclusivamente on -line. Per informazioni si può navigare sul sito internet ufficiale dell'istituto (clicca qui).

Bartolo Gabbio

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo