Cerro Tanaro, un paese prigioniero del fiume
Attualità

Cerro Tanaro, un paese prigioniero del fiume

Nella notte tra il 5 e il 6 novembre 1994 l’esondazione del Tanaro colpì anche il comune di Cerro. L’80% delle case si ritrovò allagata, chi la cantina, chi quasi tutto il piano terra.

Nella notte tra il 5 e il 6 novembre 1994 l’esondazione del Tanaro colpì anche il comune di Cerro. L’80% delle case si ritrovò allagata, chi la cantina, chi quasi tutto il piano terra. «C’erano stati fenomeni simili, per esempio nel ‘68, ma l’acqua non era mai arrivata fino alla piazza – racconta il sindaco Mauro Malaga. – Sapevamo della piena, rimanemmo fino a tardi, la sera, a osservare il livello del fiume che cresceva velocemente, ma non ci aspettavamo un evento di tale portata». Tra i danni più vistosi l’erosione della massicciata stradale all’estremità del ponte tra Cerro a Rocchetta, e l’allagamento della chiesa tramite infiltrazioni nell’ossario sotterraneo.

«La mattina fui svegliato dal rumore dell’acqua, che aveva raggiunto sulla piazza quasi 2 metri di altezza» prosegue il Sindaco. Un’immagine significativa, rievocata da chi c’era: il cartello “T” di “tabacchi” di una delle botteghe, di cui sbucava appena la sommità. «Il problema fu sottovalutato, purtroppo, perché si trattava del fine settimana – ricorda Giovanni Calosso, all’epoca consigliere comunale. – Nelle case dove l’acqua era entrata, le persone venivano evacuate dai balconi. In alcuni punti furono usati canotti e scale, in altri scesero grazie alle pale meccaniche. Per fortuna, per consuetudine in paese, tutti dormono nella parte alta dell’abitazione».

Ci fu anche chi preferì rimanere in casa, ai piani superiori, attendendo che l’acqua si ritirasse. Verso la fine della giornata di domenica le principali criticità erano state risolte; rimanevano il fango e problemi con gli allacciamenti ai servizi. Al ripristino della normalità contribuirono anche molti volontari da fuori. Il nuovo argine fu completato in circa 2 anni, più alto di un metro rispetto al livello raggiunto dalle acque del Tanaro.

f.g.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo