Che fare dopo il diploma? All'università una bussola per scegliere
Attualità

Che fare dopo il diploma? All'università una bussola per scegliere

Università e mondo del lavoro, con opportunità da cogliere in Italia e all'estero, si presentano ai giovani. Sabato, dalle 9 alle 18 all'Università di Asti (piazzale de André, ex caserma

Università e mondo del lavoro, con opportunità da cogliere in Italia e all'estero, si presentano ai giovani. Sabato, dalle 9 alle 18 all'Università di Asti (piazzale de André, ex caserma "Colli di Felizzano"), si terrà infatti un evento di orientamento rivolto in particolare agli studenti dell'ultimo anno delle scuole superiori.

E' organizzato dalla Provincia insieme all'Ufficio scolastico territoriale e ad Astiss, il consorzio che gestisce l'università astigiana, e rientra tra le attività comprese nel Progetto orientamento giovani (cofinanziato dal Fondo sociale europeo), indirizzate agli studenti che, concludendo un ciclo di studi, si trovano di fronte alla scelta cruciale tra studi universitari, formazione o lavoro. Una scelta che, quest'anno, va anticipata rispetto al passato: lo scorso 27 dicembre, infatti, il Ministro dell'Istruzione Maria Chiara Carrozza ha diffuso le date dei test dei corsi di laurea ad accesso programmato, ovvero la grande maggioranza di quelli a disposizione. A differenza del passato, infatti, le prove saranno anticipate a primavera (a partire dal 7 febbraio con l'Università Bocconi), fatta eccezione per le professioni sanitarie, a numero programmato ma a livello locale, che rimarranno calendarizzate a settembre.

Ricco il programma dell'evento. Per tutta la giornata le agenzie formative accreditate per i corsi agli adulti – diplomati e non, in cerca di occupazione – presenteranno le proprie offerte; sono possibili colloqui individuali con personale addetto all'orientamento, prenotando sul posto il proprio turno. Ampio spazio verrà dedicato all'università, grazie ad un orientatore specializzato che, in una sessione in aula magna dalle 9 alle 10, fornirà un panorama complessivo sull'offerta formativa accademica ma anche sulle opzioni di Istruzione tecnica superiore (Its), ovvero le nuove scuole ad alta formazione tecnoligica, e sulla Formazione per qualifica a ciclo annuale.
«Particolarmente qualificante ? precisano i funzionari provinciali organizzatori dell'evento – la presenza di nove Università del Nord Ovest d'Italia: Genova, Cattolica di Milano, Bocconi, Pavia, Valle d'Aosta, Scienze Gastronomiche di Pollenzo, Nuova Accademia delle Belle Arti di Milano e, naturalmente, gli atenei di Torino e del Piemonte Orientale. Particolare attenzione verrà data ai corsi attivati da questi due ultimi atenei nella sede astigiana, il cui personale sarà a disposizione per tutte le informazioni necessarie».

Da evidenziare, infine, la partecipazione del Servizio Informagiovani. E, nel pomeriggio in aula magna, gli interventi dei funzionari del Centro per l'Impiego, che illustreranno le regole del tirocinio, dell'apprendistato e il sistema di ricerca di lavoro all'estero mediante la rete Eures. Seguirà un seminario a cura dell'associazione "Astinnova". In questo caso l'appuntamento è alle 15: Silvio Porcellana e Riccardo Peratoner parleranno di start up, ovvero del processo e del periodo durante cui si avvia un'impresa, oltre che delle opportunità professionali aperte dalle nuove tecnologie.

Per ulteriori informazioni contattare il Servizio orientamento giovani del Centro per l'impiego (0141/433413) o consultare il sito web www.provincia.asti.it e la pagina Facebook Orientagiovani Asti.

Elisa Ferrando

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale