martina3
Attualità
Galleria 
Rai

Cisterna d’Asti: Martina porta a “I soliti ignoti” le sue creazioni dal mondo del vino

Nella puntata di ieri sera ha partecipato come “ignota” avendo la possibilità di spiegare a tutta Italia la sua attività creativa

Grande palcoscenico nazionale per Martina Bodda, 26 anni, di Cisterna d’Asti che ieri sera, giovedì, ha partecipato come “ignota” al popolare quiz di Raiuno “I Soliti Ignoti” condotto da Amadeus.

A giocare ieri la coppia formata da Sara e Marco, marito e moglie di Macerata, che dovevano indovinare il mestiere di tutti e otto gli “ignoti” fra i quali, appunto, Martina che crea oggetti di design dal riciclo dei filtri del vino usati nella cantina di famiglia.

La coppia ha indovinato, aggiudicandosi 21 mila euro di montepremi dando la possibilità alla ragazza di spiegare come un hobby sia diventato prima materia della sua tesi di laurea e poi la sua attività lavorativa.

Poco più di un anno fa l’attività di Martina aveva passato la selezione regionale dell’Oscar Green Coldiretti accedendo alla finale nazionale.

L’idea di Martina è ora un progetto denominato “Fine”, dall’unione di Filter e Wine per sottolineare due aspetti: fine come eleganza, e come fine vita che viene reinventato.

La ragazza ha ideato un processo che consente il riutilizzo creativo e dal design innovativo dei filtri di cartone usati nelle cantine.

Filtri che, una volta esausti, diventano scatole regalo ed elementi d’arredo come vasi per i fiori, lampade, porta gioie. Il procedimento è semplice, i filtri in cartone utilizzati per filtrare il vino vengono asciugati e fustellati come se fosse cartone e poi lavorati secondo la fantasia e la creatività.

Se non fossero riutilizzati, i filtri, andrebbero smaltiti come rifiuti indifferenziati in quanto impregnati di materiale organico. Con ogni filtro una cantina può ottenere una scatola mono bottiglia e tenendo conto che, in una cantina media, un filtro viene utilizzato per il filtraggio dai 5 ai 10 ettolitri di vino (in base a quanto il vino risulta torbido) e che in Piemonte la media degli ultimi 10 anni è di 43.696.000 ettolitri di vino prodotto, si può facilmente capire quanto risparmio economico e ambientale si potrebbe ottenere con il riuso creativo di Martina. In un anno nella nostra regione vengono utilizzati circa 5.826.133 di filtri di dimensione 40 per 40 centimetri pari alla superficie di 126 campi da calcio.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail