corso torino obi
Attualità
Infrastrutture

Collegamento sud/ovest di Asti: firmata la convenzione con Anas per il progetto di fattibilità tecnico economica

Da oggi ci sono 180 giorni di tempo per completare lo studio che, una volta consegnato al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, consentirà lo sblocco dei 40 milioni di euro per la realizzazione del primo lotto

È stato fatto un altro passo in avanti verso la futura realizzazione del collegamento sud/ovest di Asti, la circonvallazione che collegherà l’ingresso della città, in corso Torino, e il secondo ponte sul Tanaro che si andrà a costruire per collegare la strada alla tangenziale già esistente.

È stata infatti firmata la convenzione che assegna ad Anas la realizzazione del progetto di fattibilità tecnico economica della nuova strada, interamente finanziato dalla Regione Piemonte con 400 mila euro. La convenzione rappresenta il primo fondamento per la progettazione definitiva ed esecutiva.

Il Presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, e l’Assessore alle Infrastrutture Marco Gabusi sottolineano come la presentazione del collegamento fatta pubblicamente nel marzo scorso stia rapidamente diventando realtà. «Ora che la convenzione tra Regione, Provincia di Asti, Comune di Asti e Anas è stata sottoscritta da tutti i soggetti il primo passo per la progettazione è infatti compiuto».

Anas ha 180 giorni di tempo per completare lo studio che, una volta consegnato al Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili, consentirà lo sblocco dei 40 milioni di euro per la realizzazione che la Regione aveva chiesto a Roma nel novembre 2021 e il cui stanziamento è stato approvato dal CIPESS – Comitato Interministeriale per la Programmazione Economica e lo Sviluppo Sostenibile a febbraio 2022. Soldi che serviranno per finanziare il primo lotto dell’opera.

Come indicato nella convenzione, la Regione Piemonte coordina, insieme alla Provincia di Asti, un gruppo di lavoro costituito dai tecnici degli enti sottoscrittori al fine di monitorare le attività e consentire la rapida risoluzione delle problematiche che dovessero eventualmente presentarsi.

Il nuovo collegamento stradale in direzione sud/ovest consentirà di decongestionare Asti dal traffico quotidiano attraverso il centro cittadino. La nuova strada collegherà la SR10 in prossimità del casello autostradale di Asti Ovest con la SS 231 in località Rocca Schiavino, realizzando così una naturale connessione tra la zona Nord e quella Sud non solo della città ma dell’intero territorio.

La nuova circonvallazione servirà i 75.000 abitanti del capoluogo, che oggi hanno a disposizione un solo ponte per attraversare il fiume Tanaro con i conseguenti problemi di traffico e di inquinamento ambientale, ai quali si aggiungono i 60.000 abitanti del Sud-Astigiano anch’essi obbligati a transitare sul medesimo ponte per raggiungere l’unico presidio ospedaliero del territorio astigiano, il Cardinal Massaia.

La nuova infrastruttura, che vede l’opera principale nella realizzazione di un secondo ponte sul Tanaro, «migliorerà la circolazione tra il casello di Asti Ovest e Rocca Schiavina, con innesto sull’A33,  – evidenziano dalla Regione – eliminerà buona parte del traffico che ogni giorno entra in città per attraversarla e agevolerà l’attività di migliaia di aziende del territorio».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo