«Com’è stato scelto il neo dirigente?»Botta e risposta Pensabene - Brignolo
Attualità

«Com’è stato scelto il neo dirigente?»
Botta e risposta Pensabene – Brignolo

L'amministrazione comunale ha designato Laura Panelli, dirigente della Casa di Riposo Città di Asti, alla direzione dei servizi sociali. Il consigliere comunale Giovanni Pensabene esprime dubbi sulla possibilità di seguire adeguatamente entrambi gli incarichi, e avanza le sue critiche sulle modalità di scelta. Il sindaco Fabrizio Brignolo: «Non è stata assunta, svolgerà entrambe le mansioni e per noi sarà un risparmio»

Il consigliere comunale Pensabene (Federazione della Sinistra) torna ad attaccare il sindaco Brignolo sulla questione “trasparenza” e lo fa dopo aver appreso, dai giornali, la decisione dell’amministrazione di nominare il direttore della Casa di Riposo a nuovo dirigente dei Servizi Sociali. Pensabene pone varie domande al sindaco sollevando inoltre una questione di compatibilità tra le due cariche. Tempestiva la risposta del primo cittadino il quale, ieri, ha replicato al consigliere che il neo dirigente non è stato assunto dal Comune ma che svolgerà le funzioni dirigenziali anche nel settore servizi sociali del Comune pur rimanendo dipendente della Casa di Riposo.

Caro Fabrizio e care/i assessori,
uso questa modalità di comunicazione giacchè le occasioni di incontrarsi in Consiglio Comunale, luogo deputato alla dialettica tra maggioranza e opposizione, sono molto rare e generalmente coincidenti con scadenze inderogabili che assorbono per intero i tempi della discussione. Premetto che a me non sembra normale che il consiglio Comunale non sia stato convocato per tutto il mese di ottobre e che la prossima convocazione sia prevista, su mia richiesta, entro la fine di novembre sui temi della sanità.

Continua a capitare così che importanti scelte per la città e la vita amministrativa siano apprese dai consiglieri comunali, almeno quelli dell’opposizione, solo attraverso le colonne dei giornali. Faccio alcuni esempi: i nomi degli assessori; la nomina dei “magnifici 4” (a proposito, esistono ancora?); la nomina del Presidente della Biblioteca;  l’assegnazione di importanti spazi comunali ad associazioni varie mentre altre, a cui pure erano state promesse sedi in campagna elettorale, continuano ad aspettare; il “pianocittà” e via elencando.

L’ultima scelta appresa dai giornali è l’incarico dirigenziale per i servizi sociali. L’incarico è stato affidato “intuitu personae” all’attuale direttrice della Casa di Riposo di Asti che sembra svolgerà entrambe le funzioni. Non conosco la persona in questione e non ho motivo di dubitare delle sue, evidentemente notevoli, capacità. Mi sembra francamente eccessivo che una persona riesca a gestire contemporaneamente la più grande Casa di Riposo del Piemonte e il Servizio più “rognoso” dell’Amministrazione comunale.

Nella composizione delle deleghe assessorili è stata presentata in pompa magna anche quella sulla “trasparenza e legalità”, affidata al mio amico Alberto Pasta, ed è proprio in nome della trasparenza (sulla legalità non ho dubbi, siete tutte/i persone per bene) che vi chiedo se, nella scelta del nuovo dirigente, sia stata avviata una procedura pubblica di ricerca di professionalità, se siano stati quindi acquisiti curricula di altri “aspiranti” e se sì in base a quali criteri sia stata scelta la persona incaricata, se non vi fossero tra i dirigenti in forza presso l’Amministrazione le competenze per gestire questo Servizio, se non vi fossero tra il personale non dirigente del Comune professionalità meritevoli di leggittime aspettative di carriera.

Infine, ma non per ultimo, se non vi siano profili di incompatibilità tra Dirigente della Casa di Riposo e Dirigente dei Servizi sociali del Comune che può avere compiti di vigilanza sull’attività della Casa di riposo oltre che intervenire direttamente sulle rette dei meno abbienti. In definitiva vi chiedo se non fosse stato meglio seguire una procedura più trasparente e se non sia più corretto per il presente e per il futuro confrontarsi con il Consiglio Comunale sulle scelte per la città, non limitandosi alle sole riunioni di maggioranza dove, probabilmente, l’insoddisfazione di qualche componente vi fa pensare di poter risolvere al vostro interno la dialettica maggioranza /opposizione.

Giovanni Pensabene
Consigliere comunale Federazione della Sinistra



In merito alla lettera del Consigliere Pensabene relativa alla convenzione stipulata con la Casa di Riposo e alle conseguenti funzioni di dirigente dei servizi sociali attribuite alla Dottoressa Laura Panelli, si precisa che la stessa non è stata assunta dal Comune di Asti. La Dr.ssa Panelli rimane dipendente della Casa di Riposo Città di Asti e, nell’ambito di una collaborazione tra i due enti, sancita da una apposita convenzione, svolgerà le funzioni dirigenziali anche nel settore servizi sociali del Comune, con un evidente risparmio di spesa (che sarà reimpiegato dai due enti nell’erogazione dei servizi ai cittadini) e la possibilità di coordinare meglio le azioni delle due istituzioni.

Già oggi molti servizi di assistenza agli anziani, il dormitorio maschile per i senzatetto e il centro di prima accoglienza per le famiglie senza casa sono gestiti in sinergia da Comune e Casa di Riposo, che sono parte dello stesso sistema complessivo di assistenza pubblica. Questa integrazione non potrà che migliorare, con la nuova convenzione. Stante la crescente carenza di risorse, saranno sempre più frequenti forme di collaborazione tra enti, finalizzate a mettere in comune risorse umane e strumentali (in questi giorni è stata presentata la convenzione Comune-Asl relativa al personale dello sportello socio assistenziale aperto presso l’ospedale Massaia e altre ne sono state stipulate da tempo con la Provincia e altri comuni dell’astigiano) così da conseguire risparmi e una risposta maggiormente integrata ai bisogni dei cittadini.

Fabrizio Brignolo
Sindaco di Asti

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale