Come sarà il palazzetto dello sportdi piazza d'Armi
Attualità

Come sarà il palazzetto dello sport
di piazza d'Armi

In piazza d'Armi (recentemente ribattezzata piazza Manera) sarà realizzato il nuovo Palazzetto dello Sport al posto della "semplice" palestra (costo 4 milioni di euro) che

In piazza d'Armi (recentemente ribattezzata piazza Manera) sarà realizzato il nuovo Palazzetto dello Sport al posto della "semplice" palestra (costo 4 milioni di euro) che l'amministrazione aveva ipotizzato di costruire partecipando, nel 2012, al bando "Piano città". Questa è l'intenzione della Giunta che ha affidato all'architetto Maurizio Pugliese l'incarico di redigere il progetto preliminare da presentare a Regione Piemonte, Istituto Credito Sportivo, Presidenza Consiglio dei Ministri (dipartimento Sport) per confermare così il finanziamento già esistente sull'infrastruttura (pari a 5.164.568,99 euro) previsto fin dal 2002 quando si iniziò a progettare il nuovo contenitore.

Quel palazzetto, molto più grande e costoso di quello che si andrebbe a costruire oggi, prevedeva una capienza da 4.000 posti ma non venne mai realizzato a causa delle difficoltà del concessionario, che si era aggiudicato la realizzazione dell'opera, a reperire i finanziamenti.

Oggi, mentre il Comune sta pensando di transare con un accordo bonario per chiudere la partita con il privato, è tornata la necessità di dotare Asti di un nuovo complesso sportivo da circa 2.000 posti destinato alle società e alle esigenze delle scuole. Una struttura grande due volte il Palasanquirico che darà nuovi spazi allo sport astigiano.Se il progetto preliminare sbloccherà il finanziamento il Comune potrà rimettere in moto l'iniziativa e costruire l'impianto senza bisogno di coinvolgere altri privati (salvo per la futura gestione). Lo farà grazie agli oltre 5 milioni di euro e ad alcuni fondi ancora riferiti ai Contratti di Quartiere II. E' invece presto per dare una tempistica alla realizzazione sebbene l'opera sia considerata strategica e prioritaria per tutta la città.

Riccardo Santagati

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale