festival del paesaggio agrario
Attualità
Convegno

Conclusa la XIII edizione del Festival del Paesaggio Agrario

Confronto e dialogo tra docenti, ricercatori, sindaci, operatori economici e imprenditori agricoli al fine di valorizzare il Monferrato astigiano

Venerdì scorso si è tenuto l’incontro conclusivo della XIII edizione del “Festival del Paesaggio Agrario”. L’appuntamento è stato spunto di confronto e dialogo tra docenti, ricercatori, sindaci, operatori economici e imprenditori agricoli al fine di valorizzare il Monferrato astigiano. Coordinato da Laurana Lajolo, il convegno, ha visto un susseguirsi di interventi finalizzati soprattutto alla valorizzazione, tutela e salvaguardia del territorio.

«Quest’anno il Festival è diventato un Festival progettuale – ha esordito Laurana Lajolo – e si è ragionato su iniziative concrete». Tanti i relatori presenti che con i loro interventi hanno spaziato dalla trasformazione delle comunità, alla gestione più opportuna per le aree boschive, dal futuro della vitivinicoltura all’economia del settore agroalimentare. «Sono emerse idee durante i vari appuntamenti – ha detto Paolo Lanfranco, presidente della Provincia – adesso bisogna metterle in pratica».

Si è parlato di Davide Lajolo, di Vinchio, della società che è cambiata, delle vigne come opere d’arte e dell’esperimento con quattro studenti (di cui tre cinesi) dell’Accademia Albertina, che sono rimasti due giorni sulle colline di Nizza Monferrato per interpretare le vigne con lavori che, il prossimo anno, verranno esposti in una mostra. «Il 30 ottobre, alla Cantina di Vinchio Vaglio Serra, è stato anche avviato un progetto di strategia territoriale chiamato “Il mare verde sulle colline della barbera” – ha informato Laurana Lajolo – che coinvolgerà molte figure del territorio e i cui risultati dovremmo averli la prossima primavera; il 10 novembre inoltre abbiamo presentato, con l’Università di Torino, un progetto gestito dalla Regione Piemonte sulla formazione scolastica su temi di sviluppo rurale».

Già la scorsa edizione si era posto l’accento sulle carenze e sulle esigenze dei piccoli paesi e da lì si è cominciato: «I comuni con meno di 1.000 abitanti in Piemonte sono il 51%, – ha detto il sociologo Renato Grimaldi – l’andamento di crescita si è fermato nel 1921  e la trasformazione sociale (dovuta anche alle pandemie) ha modificato anche quella urbanistica». Cambiamenti che nel tempo le piccole comunità hanno però sempre saputo fronteggiare. Su questo tema sono poi intervenuti Gianluca Forno, sindaco di Baldichieri e Don Luca Solaro, parroco in sei piccole comunità: «Bisogna avere una visione condivisa e diffusa – ha detto Forno – per sfondare i confini ed essere responsabili delle grandi ricchezze di questi territori».

Don Solaro ha sottolineato la scarsità di preti ma anche quella di fedeli, «un processo già in atto – ha detto – che la pandemia ha accelerato». Gli esperti Pier Giorgio Terzuolo, Luigi Gallareto e Franco Correggia hanno illustrato la situazione dei boschi «che, in Piemonte, con circa 1milione di ettari (di cui oltre 44.000 in provincia di Asti) – ha commentato Terzuolo – raccolgono oltre 1miliardo di alberi». Un valore anche economico non indifferente, da gestire in modo intelligente e oculato «e da valorizzare con un approccio di comunità» ha detto Gallareto.

«I boschi, quelli naturali, sono un sofisticato sistema di tipo bioecologico, – ha dichiarato Correggia – un luogo della bellezza fondamentale per la salute del territorio, sono l’equivalente delle chiese romaniche, e come ciò vanno tutelati». Infine gli interventi di Vincenzo Gerbi e Stefano Massaglia docenti universitari, di Filippo Mobrici presidente Consorzio Tutela Barbera e Marco Curto sindaco di Montegrosso. «L’identità del nostro territorio si rintraccia nella vigna – ha affermato Gerbi – da qui la necessità di investire sulla formazione»; d’accordo Mobrici che ha aggiunto: «Il vino è un veicolo turistico ed economico ma manca un Comune capoluogo».

«Il vignaiolo deve essere attento ai cambiamenti climatici» ha commentato Gerbi, fiducioso però nella capacità di adattamento della vite; infine Massaglia ha sottolineato la varietà colturale del territorio «che conta circa 23.000 imprese – ha detto – che devono essere sempre più competitive e garantire la continuità della comunità sociale».

Dal pubblico è stata poi segnalata la preoccupazione riguardo la realizzazione di un impianto di trattamento di fanghi a Quaranti mentre, in chiusura, Dino Barrera, presidente del progetto Monferrato ha presentato il piano di sviluppo locale. 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail