Grano
Attualità
Prezzi

Consorzi Agrari d’Italia: Ucraina, rialzi di grano tenero e mais mentre resta stabile il grano duro

Alla luce delle rilevazioni del Matif di Parigi e delle prime quotazioni delle Borse merci italiane

Continua per il secondo giorno consecutivo il rialzo internazionale di grano tenero (+1,25%) e mais (+1,24%), mentre sono sostanzialmente stabili le quotazioni italiane di grano duro. Questo il quadro della situazione tracciato da CAI – Consorzi Agrari d’Italia,  alla luce delle rilevazioni del Matif di Parigi e delle prime quotazioni delle Borse merci italiane.

A Parigi il grano tenero viene quotato 3,5 euro in più a tonnellata (+1.25%) rispetto al giorno precedente, mentre il mais è in rialzo di 3,25 euro a tonnellata (+1,24%). Il grano duro, secondo le rilevazioni delle borse merci italiane di Milano e Foggia, non subisce grosse variazioni attestandosi tra i 520 e i 530 euro a tonnellata.

Dall’Ucraina arriva in Italia grano tenero per la produzione di pane e biscotti per una quota pari al 5% dell’import totale nazionale e un quantitativo di 107mila tonnellate nei primi dieci mesi del 2021, secondo i dati Coldiretti, il doppio rispetto a ciò che proviene dalla Russia (44mila tonnellate).

L’Ucraina, inoltre, copre il 20% complessivo del mais importato dal Nostro Paese, ed è il secondo paese fornitore dell’Italia dopo l’Ungheria.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo