La Nuova Provincia > Attualità > Coronavirus: al Cardinal Massaia di Asti un paziente in terapia intensiva
Attualità Asti -

Coronavirus: al Cardinal Massaia di Asti un paziente in terapia intensiva

Ben 37 i casi positivi al Covid 19 nell'Astigiano - Aumentano le perplessità sull'eventuale ritorno a scuola degli studenti mercoledì

Coronavirus: aumentano i contagi in Piemonte

La Regione Piemonte, a metà mattinata, ha emesso un bollettino medico sui casi di Coronavirus positivi, ma non ancora confermati dall’Istituto Superiore di Sanità. Conferme che, ad oggi, sono riferite ad un solo caso, il paziente di Torino, sebbene il numero dei piemontesi risultati positivi al Covid-19 è salito a quota 51.

Ben 37 casi riguardano Asti e l’Astigiano, 3 a Novara, 6 a Torino, 1 a Vercelli e 4 nel Vco. Di questi, 12 sono ricoverati in ospedale: 6 ad Asti, 3 a Novara e 3 all’Amedeo di Savoia di Torino. Altri 2 pazienti sono ricoverati in terapia intensiva: 1 ad Asti e uno a Vercelli.  Sono invece 37 le persone in isolamento fiduciario domiciliare di cui una trentina nell’Astigiano.

Finora sono 375 i tamponi eseguiti in Piemonte, 307 dei quali risultati negativi. Sono in corso di verifica 12 casi.

Al momento, risulta ancora precauzionalmente chiuso il Pronto Soccorso di Tortona, in attesa dell’esito del test su una persona che si era presentata al triage manifestando i sintomi del “caso sospetto”.

Sulle scuole crescono le perplessità

Nel frattempo crescono le perplessità tra le famiglie sull’eventuale ritorno a scuola degli studenti, nella giornata di mercoledì. Dubbi sollevati attraverso un tam tam affidato ai social e ai gruppi WhatsApp. Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio, nell’ultimo video pubblicato ieri sera su Facebook, ha lasciato aperta ogni ipotesi, anche di mantenere gli studenti a casa se non ci fossero tutte le garanzie per la loro sicurezza e quella dei docenti. Quindi, ad oggi, nessuna certezza che mercoledì gli studenti possano tornare regolarmente a scuola. Tutto dipenderà dai numeri del contagio, non solo in Piemonte, ma anche in Lombardia e Liguria, che dovranno essere migliori di oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente