rifiuti abbandonati agliano
Attualità

Coronavirus, anche nell’Astigiano l’incivile abbandono di rifiuti “effetto collaterale” delle pulizie di garage e cantine

Interventi immediati dei sindaci di Costigliole, Agliano e Montaldo Scarampi: «Comportamenti che non giustifichiamo e che verranno perseguiti»

Rifiuti abbandonati in strada

Non si tratta certo, purtroppo, di casi isolati. Da nord a sud d’Italia si registrano in questi giorni episodi di abbandono di rifiuti ingombranti per strada, accanto alle campane del vetro oppure in aree isolate del territorio. L’esigenza di rimanere a casa nei giorni dell’emergenza Coronavirus ha creato l’occasione di pulizie straordinarie nelle nostre abitazioni, in particolare garage, cantine, ripostigli, solai: un modo per tenersi occupati, approfittare del periodo per lavori di casa ed anche di pensare all’igiene. In questi giorni le ecostazioni del territorio sono chiuse, ma questo non significa che i cittadini siano giustificati nell’abbandonare i rifiuti per strada. Eppure capita proprio questo e i sindaci di Agliano Terme, Montaldo Scarampi e Costigliole sono subito intervenuti per richiamare i residenti a comportamenti responsabili e rispettosi delle regole, oltre che dell’ambiente.

Gli appelli dei sindaci di Agliano, Costigliole e Montaldo Scarampi

«Ieri in località Crena ci siamo trovati di fronte a rifiuti di ogni genere ammassati accanto ad un muro: è vero che le ecostazioni sono chiuse per le cause di forza maggiore che sappiamo ed è comprensibile che in questi giorni magari si approfitta per fare pulizia in casa, ma questo non giustifica e non dà il diritto di inquinare i luoghi pubblici del paese conferendo, tra l’altro, in maniera scorretta i rifiuti ingombranti – dice il sindaco di Agliano Marco Biglia attraverso la pagina Facebook di comunicazione con i cittadini – Comportamenti così incivili verranno perseguiti con tutti i mezzi a nostra disposizione». Tra i rifiuti abbandonati (nella foto) persino una lavatrice, estintori, un televisore, cassette di plastica. Anche il sindaco di Costigliole Enrico Cavallero interviene prontamente: «Nella giornata di ieri sono stati rinvenuti depositi di rifiuti accanto alle campane del vetro e ai bidoni delle borgate: è un comportamento che non giustifichiamo. Le ecostazioni di Gaia sono chiuse, per contenere il diffondersi del virus, e dunque anche la nostra di strada Montetto, ma il Comune effettua regolarmente il servizio di raccolta porta a porta dei rifiuti presso le vostre abitazioni – dice Cavallero in un video su Facebook ai cittadini – Quindi noi continueremo a perseguire questi comportamenti e questi reati, perché di reati si tratta. E i trasgressori, nel caso si riesca a individuarli, verranno perseguiti in tutti i modi possibili». Intervento anche del sindaco di Montaldo Scarampi Francesco Manassero: «Finora, almeno due volte la settimana, i cantonieri del Comune caricano quantitativi enormi di rifiuti che nulla hanno a che fare con la raccolta differenziata di carta, plastica e vetro e che indebitamente vengono abbandonati presso le isole ecologiche. Questo “favore” alla popolazione ora, almeno fino al 25 marzo, non sarà più possibile, quindi nessuno è legittimato nell’abbandonare rifiuti fuori dai bidoni, pertanto si raccomanda maggior senso civico nel rispetto di tutti! – dice Manassero dalla pagina Facebook dell’amministrazione comunale – A tal proposito è stato richiesto alla Polizia Locale di intensificare i controlli al fine di identificare e sanzionare i trasgressori».

L’area ecologica a Montaldo Scarampi in questi giorni

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo