La Nuova Provincia > Attualità > Coronavirus, balzo in avanti di contagi ad Asti
Attualità Asti -

Coronavirus, balzo in avanti di contagi ad Asti

Da ieri ad oggi ne sono stati registrati 33 in più. Amarezza di Cirio per la "giornata più difficile" dall'inizio dell'emergenza

Bollettino serale

Bollettino serale della Regione Piemonte che, rispetto a ieri, segna un deceduto in più in provincia di Asti risultato positivo al Covid 19 portando così a 13 il totale delle morti.

Balza in avanti il numero di contagi che passa dai 215 di ieri, ai 248 di oggi. Una triste statistica che pone la nostra provincia al penultimo posto per contagiati su base regionale; meno contagiati di noi solo il Verbano Cusio Ossola.

A livello regionale fra ieri e oggi sono state 29 le persone che hanno perso la vita e sono risultate positive al test e il Piemonte si trova a piangere 403 persone dall’inizio dell’emergenza sanitaria.

Mattarella telefona al Governatore Cirio

Quella appena passata è stata definita la giornata più difficile da quando il Piemonte si trova a dover fronteggiare la lotta al Covid 19. ««È un momento drammatico ed è u’altra giornata di grande dolore perché piangiamo tante vittime e tra loro ci sono anche un medico e un radiologo, persone che hanno messo in gioco e donato la propria vita per tutelare quella degli altri» ha detto il presidente Alberto Cirio che nel pomeriggio ha ricevuto una chiamata da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella il quale, riferisce direttamente il governatore piemontese «ha voluto testimoniarmi la sua vicinanza per la mia guarigione e rivolgere un pensiero a tutte le donne e gli uomini piemontesi per come stanno affrontando questa emergenza così grande. Il Presidente ha sottolineato quanto sia importante in questo momento per tutti noi restare uniti. E io lo ringrazio di cuore. Il Piemonte vuole molto bene al nostro Presidente, come gliene voglio io. Ho voluto dirgli che per noi è molto importante sentire la sua voce, sentiamo oggi più che mai il bisogno delle sue parole e di un messaggio di speranza per il nostro Paese».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente