La Nuova Provincia > Attualità > Coronavirus: Cirio chiede al Governo di “valutare misure più restrittive”
Attualità Asti -

Coronavirus: Cirio chiede al Governo di “valutare misure più restrittive”

Si valuta la chiusura prolungata di piscine, impianti sportivi e di tutte le palestre, anche quelle private

Il presidente del Piemonte Cirio chiede al Governo di valutare misure più rigide contro l’epidemia

E’ una guerra, quella contro il Coronavirus, che si fa a colpi di decreti, ordinanze, misure di contenimento stabilite a livello gerarchico tra Governo e Regioni. Ma, ad oggi, i dati in Piemonte dicono che i casi di positivi al Covid-19 sono in aumento e che, probabilmente, occorre un ulteriore giro di vite alle misure restrittive già disposte nei giorni scorsi.

Il presidente della Regione Piemonte, Alberto Cirio, ha quindi scritto al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in merito a nuove misure di contenimento sul territorio piemontese.

“Alla luce dell’evolversi del contagio in Piemonte e delle osservazioni che mi sono state espresse dall’Unità di crisi – commenta Cirio – ho chiesto al premier Conte e al ministro della Salute di valutare un maggiore irrigidimento delle misure decise dal Governo per la nostra regione. La crescita maggiore dei casi di contagio registrata nelle ultime 48 ore, infatti, ci fa pensare che il contenimento in atto non sia sufficiente. Abbiamo chiesto, pertanto, di valutare con estrema urgenza, anche attraverso l’analisi del Comitato Scientifico Nazionale, la possibilità di misure più restrittive che possano proteggere la popolazione e contenere maggiormente l’espansione del virus”.

Indiscrezioni vedrebbero, tra le misure che potrebbero essere adottante nelle prossime ore, la chiusura per un periodo prolungato di piscine, palazzetti dello sport, impianti sportivi e palestre (pubbliche e private) fino al superamento della fase acuta dell’epidemia che, sempre secondo alcune ipotesi, dovrebbe arrivare intorno al 23 marzo. La Regione attende una risposta entro questa sera e, di conseguenza, le misure scatterebbero a partire da domani.

I numeri dell’emergenza piemontese

Nell’ultimo bollettino diramato dalla Regione è salito a 207 il numero delle persone risultate positive al test sul Coronavirus in Piemonte. I pazienti ricoverati in ospedali sono 148, di cui 38 in Terapia intensiva. Altre 54 persone sono in isolamento domiciliare. Cinque i decessi.Finora sono 1046 i tamponi eseguiti, 713 dei quali risultati negativi. All’ospedale Cardinal Massaia di Asti 7 persone sono in rianimazione e 12 si trovano nel reparto di malattie infettive. L’ultimo bollettino sui contagiati in provincia di Asti, che risale a ieri sera, ne contava 47.

Articolo precedente
Articolo precedente