gianni rabino
Attualità

Coronavirus, cordoglio ad Asti per la scomparsa del senatore Gianni Rabino

Aveva 88 anni ed era tra gli anziani rientrato da Alassio il 18 febbraio. Parlamentare ed ex sindaco di Montaldo Scarampi

Tra gli anziani di ritorno da Alassio

Cordoglio e commozione ad Asti per la scomparsa del senatore Gianni Rabino, ricoverato in rianimazione all’ospedale Cardinal Massaia dallo scorso 26 febbraio. Aveva 88 anni, si è spento nel pomeriggio di oggi, giovedì. Il senatore Rabino era risultato positivo al Covid-19 ed era tra il gruppo di anziani rientrato dai soggiorni marini ad Alassio il 18 febbraio. In questi giorni c’era molta apprensione in città per le sue condizioni e si è sperato fino ad oggi che potesse riprendersi dalle conseguenze del contagio. Gianni Rabino, classe 1931, direttore della Coldiretti di Alessandria negli anni ’70, era stato per due volte deputato del Parlamento e poi Senatore negli anni ’80 e ’90. In molti lo ricordano come sindaco di Montaldo Scarampi, suo paese di origine, nel 2005: aveva deciso di dedicarsi all’amministrazione del suo paese e lo aveva fatto con grande grinta, passione ed entusiasmo, impegnandosi per importanti opere in paese e nel territorio della Valtiglione. «Una notizia che mi rattrista molto e a nome di tutta la comunità montaldese non posso che esprimere il mio cordoglio», dice il sindaco di Montaldo Francesco Manassero, che proprio con Rabino aveva iniziato, come assessore, il suo impegno nell’amministrazione comunale, raccogliendo poi proprio da Rabino il testimone della guida del paese. Il senatore Rabino lascia la moglie Noris, i figli Enrico, avvocato, e Andrea, ortopedico all’ospedale di Asti, la sorella Adriana e i tre nipoti. Da anni residente ad Asti, riposerà nella cappella di famiglia del cimitero di Montaldo.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail