Risparmio Casa
Attualità, Economia

Coronavirus, da Risparmio Casa 50mila euro all’istituto Spallanzani

Ad effettuare la donazione i fondatori dell’azienda che conta in Italia oltre 100 punti vendita, di cui uno ad Asti

Donazione all’istituto Spallanzani

Risparmio Casa, azienda italiana con oltre 100 punti vendita (di cui 1 ad Asti) e riferimento nei segmenti dell’igiene della casa e della persona, ha donato 50mila euro all’istituto nazionale per le malattie infettive Spallanzani di Roma.
«Medici, infermieri, operatori sanitari, ricercatori, biologi sono i veri eroi in questo particolare momento», afferma la famiglia Battistelli, fondatrice di Risparmio Casa.
«Grazie alla loro competenza e  impegno, tante famiglie possono riabbracciare i propri cari e non perdere la speranza. Ed è a loro che va il nostro ringraziamento con un contributo che crediamo servirà a valorizzare i tanti talenti che ogni giorno sono in prima linea nei nostri ospedali. Un modo per essere vicini al territorio, ai nostri clienti e ai nostri preziosi collaboratori».

Il ringraziamento da parte dell’istituto

Il gesto è stato apprezzato dalla direzione dell’istituto Spallanzani, che ringrazia per il riconoscimento del lavoro che il personale medico e paramedico sta svolgendo in questo difficile momento. «Siamo onorati della disponibilità manifestata dall’azienda Risparmio Casa della famiglia Battistelli – afferma il direttore generale dell’istituto, Marta Branca – questo contributo ci permetterà di aumentare le risorse a disposizione dei nostri operatori sanitari e dei nostri ricercatori che continuano a lavorare senza sosta per combattere il Covid-19».

Risparmio Casa, 5 punti vendita in Piemonte

L’azienda – che conta in Piemonte 5 punti vendita distribuiti tra le provice di Torino, Asti e Novara  – focalizza l’attenzione sui concetti di risparmio e servizio, puntando su un’ampia gamma di prodotti non alimentari tra cui detersivi, profumeria, casalinghi, giocattoli, tessile, hobbistica, bricolage e cartoleria.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo