La Nuova Provincia > Attualità > Coronavirus, grazie alle offerte per ora la Croce Verde di Asti non è in “emergenza”
Attualità Asti -

Coronavirus, grazie alle offerte per ora la Croce Verde di Asti non è in “emergenza”

Mentre il Comitato Regionale minaccia addirittura la sospensione degli interventi

Appello drammatico dell’Anpas regionale

Un allarme drammatico quello che arriva dalla direzione regionale delle Anpas che raggruppano anche numerose Croce Verde della provincia di Asti.

Il Comitato regionale annuncia il rischio di una imminente sospensione dei servizi sul territorio piemontese perché mancano dispositivi di protezione individuale. E, se non c’è abbastanza sicurezza per i volontari e i dipendenti, piuttosto si fermano ambulanze e mezzi di soccorso.

«Un appello generale di richiesta di aiuto ad aziende, enti, fondazioni, negozi, farmacie e privati per reperire dispositivi di protezione individuale (Dpi) per gli oltre 10mila volontari delle 82 associazioni aderenti – scrive il Comitato regionale –  I volontari soccorritori e personale sanitario Anpas, donne e uomini, stanno operando su tutto il territorio piemontese nella difficile gestione degli interventi relativi all’emergenza sanitaria internazionale provocata dal Coronavirus Covid-19, continuando a garantire i servizi ordinari e il soccorso in emergenza.

Servono urgentemente mascherine chirurgiche, mascherine Ffp2 e Ffp3, tute protettive categoria 3, guanti, occhiali protettivi, visiere e termometri a infrarossi. Dispositivi ormai introvabili sul mercato.

In assenza degli indispensabili dispositivi di protezione individuale le Pubbliche Assistenze Anpas saranno obbligate a interrompere i servizi».

La Croce Verde di Asti al centro di una cordata di aiuti

Un rischio, quello della sospensione del servizio, che alla Croce Verde di Asti sembra per fortuna molto lontano. Grazie infatti alla grande generosità degli astigiani (cittadini, aziende, associazioni, pro loco) che hanno raccolto l’appello degli Amis d’la Pera, la Croce Verde di Asti sta ricevendo offerte che le consentono di acquistare tutti i dispositivi per far lavorare dipendenti e volontari in piena sicurezza con tutti i dispositivi necessari. Inoltre, avendo installato la tenda attrezzata e avendo acquistato il primo sanificatore (un secondo è in arrivo) la sua sede è diventata anche punto di decontaminazione per tutti i volontari anche di altre associazioni.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente