La Nuova Provincia > Attualità > Coronavirus: l’Asl limita gli accessi in ospedale per le visite dei familiari ai degenti
Attualità Asti -

Coronavirus: l’Asl limita gli accessi in ospedale per le visite dei familiari ai degenti

Faranno eccezione i casi specificatamente individuati dal personale sanitario dei singoli reparti e, in particolare, le autorizzazioni (preferibilmente un solo famigliare per paziente) verranno rilasciate per i casi in condizioni di estrema gravità o forte agitazione psico-motoria

L’Asl limita le visite in ospedale

Siamo tornati indietro di qualche mese. L’Asl, infatti, limita gli accesso in ospedale per le visite dei parenti ai congiunti ricoverati.
Questo in conseguenza ai bollettini regionali, che giorno dopo giorno segnalano in costante incrementi di casi.  La chiusura delle visite avrà inizio domani,  sabato 24 ottobre.

Le eccezioni

Faranno eccezione i casi specificatamente individuati dal personale sanitario dei singoli reparti e, in particolare, le autorizzazioni (preferibilmente un solo famigliare per paziente) verranno rilasciate per i casi in condizioni di estrema gravità o forte agitazione psico-motoria.
Pertanto, dalla giornata di venerdì 23 ottobre, i parenti per cui verrà garantito l’accesso dovranno essere muniti dell’apposito permesso.
Per le suddette eccezioni occorre comunque osservare l’orario di accesso ai reparti 12.00-13.00/18.00-
19.00.

Raccomandazioni a chi farà visita

A tutti i visitatori muniti di permesso che potranno accedere si ricorda e raccomanda di:
• eseguire l’igiene mani con gel idroalcolico
• portare con sé l’autorizzazione per accedere al reparto
• indossare correttamente la mascherina chirurgica. Nel caso in cui il visitatore abbia in uso una mascherina comunitaria o con filtro, gliene sarà fornita una chirurgica da sovrapporre.
L’ingresso ai reparti rimarrà sempre chiuso e durante l’apertura ai visitatori sarà controllato dal personale sanitario, che, in primis, dovrà verificare il possesso di regolare modulo autorizzativo. A coloro che non potranno più recarsi a visitare i propri congiunti si chiederà di fornire ai reparti un recapito telefonico ed una fascia oraria in cui un medico possa dare informazioni sulle condizioni di salute dei ricoverati.