«Cosa contesta la Corte dei Conti?»Consiglio Comunale oggi pomeriggio
Attualità

«Cosa contesta la Corte dei Conti?»
Consiglio Comunale oggi pomeriggio

E’ in programma oggi pomeriggio, con inizio alle 18.30, una nuova seduta del Consiglio comunale durante la quale alcuni rappresentanti dei gruppi di minoranza torneranno alla carica sul deferimento

E’ in programma oggi pomeriggio, con inizio alle 18.30, una nuova seduta del Consiglio comunale durante la quale alcuni rappresentanti dei gruppi di minoranza torneranno alla carica sul deferimento del Comune alla Corte dei Conti in merito al bilancio consuntivo del 2013. Martedì scorso, 20 aprile, si è svolta l’audizione dei tecnici comunali davanti alla sezione torinese della Corte ma nulla di ufficiale è ancora trapelato così, approfittando della nuova convocazione, i consiglieri Fabrizio Imerito e Angela Quaglia (Forza Italia) insieme a Piero Ferrero (PDL) e all’ex sindaco Giorgio Galvagno hanno chiesto a Brignolo di «relazionare al Consiglio circa l’esito dell’incontro e, in particolare, sulle motivazioni, le raccomandazioni e le eventuali sanzioni comminate».

«Se ci sono dei problemi sui conti – spiega Angela Quaglia – vorremmo saperlo pure noi e anche conoscere quali siano le controdeduzioni che il sindaco ha inviato in risposta agli accertamenti della Corte. Spero che Brignolo, in aula, ci dia un po’ di notizie a riguardo evitando di fare il solito intervento ragionieristico, perché non è quello che ci aspettiamo da lui». Il sindaco Brignolo aveva già fatto sapere che l’accertamento della Corte dei Conti ha riguardato, prima di Asti, altre città come Torino e Cuneo. «Lo stesso Comune di Asti era già stato oggetto di deferimento per il rendiconto 2010 e per il rendiconto 2012 – ricorda il sindaco – e in entrambi i casi la Corte, all’esito dell’esame collegiale, aveva disposto raccomandazioni e prescrizioni. Confidiamo che i documenti trasmessi siano idonei a fugare i dubbi sollevati».

r.s.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo