Croce Rossa, una squadra che conta 2mila volontari
Attualità

Croce Rossa, una squadra che conta 2mila volontari

Bilancio più che positivo per la quattro giorni di festa, da giovedì a domenica scorsi, in occasione del 150° anniversario dalla nascita della Croce Rossa Italiana. «La manifestazione ? dichiara

Bilancio più che positivo per la quattro giorni di festa, da giovedì a domenica scorsi, in occasione del 150° anniversario dalla nascita della Croce Rossa Italiana. «La manifestazione ? dichiara il gruppo organizzatore del Comitato provinciale di Asti ? ha avuto successo sia per la partecipazione e la vicinanza della cittadinanza sia perché ha testato la nostra capacità di mettere in piedi un evento. Oltre a dare soccorso, siamo stati cioè in grado di promuovere tra la popolazione la nostra immagine e attività. Quest'ultima, dalla nascita della Croce Rossa Italiana, il 15 giugno 1864, ad oggi, si è estesa in tutti i campi. Proprio in questi giorni, ad esempio, siamo impegnati a dare accoglienza, con l'aiuto anche di altri soggetti, a 26 nuovi immigrati, arrivati giovedì scorso e ora ospitati a Villa Quaglina, nei pressi di Azzano».

Tra i momenti clou della manifestazione, il concerto di domenica sera, con l'esibizione della band "Officina Ricordi;" la messa in Duomo, celebrata sabato mattina dal vescovo Monsignor Francesco Ravinale, con la partecipazione del tenore De Bortoli e del Maestro Gai; la sfilata, sempre sabato, della Croce Rossa, che, «come una macchia di colore in movimento», ha percorso il centro storico della città; le conferenze, venerdì, sulla violenza contro le donne, la storia della Cri e i nuclei sanitari del corpo militare.

«Ad oggi ? fa sapere il gruppo organizzatore ? il Comitato provinciale di Asti, che ha sede in via Foscolo, conta 633 volontari. Tra questi alcuni fanno parte del corpo ausiliario delle infermiere volontarie e del corpo militare della Cri. Considerando però il territorio provinciale nel suo complesso, compresi i nuovi comitati, arriviamo a contare 2mila volontari». Tra le attività svolte si ricordano l'operatività di soccorso, di trasporto e intervento del 118; in campo sociale l'assistenza, la raccolta e la distribuzione di beni di prima necessità per le persone indigenti; lo sportello di ascolto per la violenza contro le donne; l'Unità di strada, che presta servizio d'inverno a favore di chi è senza fissa dimora; e i corsi di educazione sanitaria e di primo soccorso presso scuole e aziende.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo