La Nuova Provincia > Attualità > I danni da “luce blu” di smarthphone e tablet
Attualità Asti -

I danni da “luce blu” di smarthphone e tablet

Aumentano i danni alla vista per un uso prolungato di tablet e smartphone

I nostri occhi sono quotidianamente esposti ad un sempre maggiore stress, causato in particolare dall’uso prolungato di computer, smarthphone e tablet che emettono una luce blu potenzialmente dannosa. Una recente ricerca scientifica sostiene che lo “stress visivo digitale” riguardi chi trascorre più di 7-8 ore al giorno davanti ad uno schermo. D’impatto può sembrare un tempo piuttosto alto ma, se ci pensiamo bene, ognuno di noi si avvicina o addirittura supera questo tempo, utilizzando per lavoro o per svago questi dispositivi.

 

 

Come difendersi dunque? “L’esposizione prolungata alla luce blu naturale e artificiale può causare danni alla retina e creare problemi al ciclo sonno/veglia. – ci spiegano Ornella Bigliani e Francesca Minnella di “Ottica Sottile”, piazza Alfieri 27/28 –  Oggi difendersi da questo tipo di radiazione è possibile utilizzando un antiriflesso di nuova generazione. Noi consigliamo in modo particolare le lenti Blue Protect di Zeiss, lenti di qualità top nel mercato dell’ottica di precisione”.

 

 

“Da noi fino al 3 aprile 2018 – proseguono le titolari del negozio situato sotto i portici Pogliani – acquistando una montatura della nuova collezione di valore superiore a 100 euro avrai una lente Blue Protect su due in omaggio (monofocale di serie 1,5) o 100 euro di sconto su tutte le altre lenti Blue Protect”.

Il punto vendita astigiano è stato recentemente rinnovato nei locali ma non nella missione che è sempre stata quella di offrire un servizio di qualità a tutti i clienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente