Don Andina nominato vicario della Diocesi
Attualità

Don Andina nominato vicario della Diocesi

Don Marco Andina è il nuovo vicario generale della Diocesi astigiana, in sostanza il “vice” del vescovo Francesco Ravinale. Da sabato 2 aprile

Don Marco Andina è il nuovo vicario generale della Diocesi astigiana, in sostanza il “vice” del vescovo Francesco Ravinale. Da sabato 2 aprile ha preso il posto di monsignor Vittorio Croce, che ha ricoperto questo importante incarico per tre mandati. Nominato vicario il 2 aprile 2001 e prossimo al raggiungimento dei 75 anni che compirà il 23 maggio, monsignor Croce è stato ordinato sacerdote nel 1965. Canonico della Cattedrale, docente al Seminario Interdiocesano di Valmadonna e all’Istituto Superiore di Scienze Religiose ad Alessandria ad Alessandria, dal 1976 monsignor Croce è direttore del settimanale diocesano “Gazzetta d’Asti”.

Don Andina, classe 1959, è stato ordinato sacerdote nel 1984 dopo aver percorso l’iter degli studi teologici alla Fist di Torino. Licenziato poi in teologia morale alla Facoltà teologica interregionale di Milano, è docente al Seminario Interdiocesano di Valmadonna e in passato ha insegnato religione al liceo classico “Alfieri”. Inoltre è responsabile diocesano per la Pastorale scolastica. A lungo rettore del seminario diocesano, è canonico penitenziere, delegato vescovile per il diaconato permanente e delegato vescovile per l’evangelizzazione e la catechesi, oltre ad essere assistente al Centro accoglienza vita e all’Ucid (Unione cristiana imprenditori e dirigenti).

Congresso Eucaristico

Intanto fervono in città i preparativi per il Congresso eucaristico diocesano, che si terrà dal 10 al 17 aprile. Intitolato “Pane del Cammino, Dono di Misericordia, Centro di Unità”, il Congresso è stato proposto l’anno scorso dal vescovo Francesco Ravinale come momento di dibattito, confronto e riflessione. Protagoniste saranno alcune tematiche trattate dal vescovo nelle Lettere pastorali scritte in questi 16 anni di permanenza ad Asti. Ogni giornata, a parte quelle di apertura e chiusura, sarà dedicata ad un tema, proponendo momenti di preghiera, incontri, convegni, dibattiti, concerti, mostre. Proprio giovedì, allo Spazio San Giovanni di via Natta 36, si è svolta l’inaugurazione dell’esposizione “Celebrare la presenza del Risorto – Vasi eucaristici dell’orafo astigiano Giovanni Tommaso Groppa (1654 – 1741)”. Una mostra di oggetti sacri con riferimenti eucaristici, facenti parte del patrimonio storico-artistico del territorio astigiano. Accanto agli oggetti di Groppa, una installazione multimediale sarà volta a sottolineare il forte e insostituibile valore di testimonianza che hanno rappresentato nei secoli.
L’esposizione sarà visitabile dal 1° aprile al 5 giugno (per informazioni: 0141/592176, museo@sicdat.it).

Elisa Ferrando

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo