Cerca
Close this search box.
<img src="https://lanuovaprovincia.it/wp-content/uploads/elementor/thumbs/douja-edizione-48-tra-vino-cibobre-grandi-eventi-con-collisioni-festival-56e689915ff8a1-nkikhdzd5it2dkuy1vcpm5utzrhyq5of47uhpg3mvc.jpg" title="Douja, edizione 48 tra vino, cibo
e grandi eventi con Collisioni Festival" alt="Douja, edizione 48 tra vino, ciboe grandi eventi con Collisioni Festival" loading="lazy" />
Attualità

Douja, edizione 48 tra vino, cibo
e grandi eventi con Collisioni Festival

Dal 12 al 21 settembre ritorna l’appuntamento astigiano con il 48° Salone Nazionale del Vino, la ”Douja d’Or”. Un’edizione definita dal presidente della Camera di Commercio, Mario Sacco,

Dal 12 al 21 settembre ritorna l’appuntamento astigiano con il 48° Salone Nazionale del Vino, la ”Douja d’Or”. Un’edizione definita dal presidente della Camera di Commercio, Mario Sacco, “straordinaria, nonostante la crisi e le difficoltà”. E che anche quest’anno, sotto lo slogan “Noi vediamo il bicchiere mezzo pieno. E voi?”, presenta un cartellone davvero ricco di appuntamenti e di iniziative. A cominciare dalla grande novità 2014, ovvero la collaborazione con il Festival Collisioni, che porterà nella nostra città personaggi del calibro di Arisa, dello chef Carlo Cracco, dello psichiatra Paolo Crepet e dei cantautori Enrico Ruggieri e Claudio Baglioni. Ma il vero protagonista della kermesse rimane sempre il vino di qualità: sono 512 i campioni provenienti da tutta Italia che hanno superato le severe degustazioni delle commissioni Onav e che saranno in degustazione e vendita a Palazzo dell’Enofila. E la scelta è davvero ampia: dai rossi più o meno corposi ai bianchi fermi, o frizzanti, dolci o secchi, fino ai passiti, senza tralasciare i delicati rosati.

Si confermano, come sempre, gli spazi di punta. Innanzitutto la Douja dell’Asti presso lo stand del Consorzio, dove degustare aperitivi alla frutta oppure calici di Asti in purezza, sapendo che il ricavato delle degustazioni sarà devoluto in beneficenza. Inoltre, il 13, 14 e 20 settembre, dalle 17 alle 19, si svolgeranno brevi corsi gratuiti di degustazione dei vini aromatici per eccellenza del territorio guidati da esperti del settore. Quindi la Douja della Barbera con le sue 115 etichette in degustazione ( tutti i giorni dalle 18.30 alle 23.30 nel padiglione 4) e ancora la Douja dell’Alta Langa, il metodo classico di nicchia del sud Piemonte con le sue 17 etichette, curata dal Consorzio di tutela che rappresenta oltre 70 aziende associate. Tutti i calici potranno essere accompagnati dai prodotti tipici preparati dai ragazzi dell’Agenzia di Formazione delle Colline Astigiane. Altro storico appuntamento cardine della manifestazione è la rassegna dei “Piatti & Dolci d’Autore”, proposta dai ristoranti dell’Associazione Albergatori & Ristoratori Astigiani.

Non mancheranno poi le degustazioni sotto le stelle a cura delle associazioni di categoria del territorio e le serate di assaggio organizzate dall’Onav, durante le quali verranno proposti abbinamenti e temi inediti con i migliori prodotti di diverse regioni italiane. Le tipicità delle province piemontesi saranno protagoniste ogni pomeriggio grazie alle degustazioni organizzate dalle Camere di Commercio della regione. Confermato anche l’appuntamento con la rassegna “Asti fa Goal!” dove si potranno scoprire, degustare ed acquistare le eccellenze del territorio proposte dalle migliori aziende. Ogni sera, poi, nel cortile dell’Enofila l’appuntamento sarà con i gelati artigianali a base di vini Doc e Docg realizzati dai maestri gelatieri di Confartigianato. A completare il quadro si aggiungono gli eventi culturali ispirati al mondo del vino e gli appuntamenti del Festival Collisioni. E ancora, diverse occasioni di riflessione sull’educazione al bere corretto in collaborazione con l’associazione Lilt e i Farmacisti astigiani. Info: www.doujador.it.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Edizione digitale