La Nuova Provincia > Attualità > Elena Ceste, la cronaca familiare e gli auguri dei suoi quattro figli a chi li ha aiutati
Attualità Asti -

Elena Ceste, la cronaca familiare e gli auguri dei suoi quattro figli a chi li ha aiutati

Stupenda lettera scritta dalla maggiore, Elisa, agli Amis d'la Pera che un anno fa avevano concluso una raccolta fondi per la famiglia

Gli auguri più belli ricevuti dagli Amis d’la Pera

Sono gli auguri più belli ricevuti dagli Amis d’la Pera. Sono arrivati nei giorni scorsi e la firma ha allargato i cuori dei soci che l’anno scorso si sono spesi per una raccolta fondi a favore dei figli di Elena Ceste. Proprio un anno fa avveniva la cerimonia di consegna di un assegno importante per il mantenimento dei quattro ragazzini totalmente a carico dei nonni materni.
Riconoscenti verso i tanti sconosciuti che hanno pensato al loro futuro, la figlia più grande, Elisa non si è limitata a formulare gli auguri ai soci, ma ha voluto “aggiornarli” sulla straordinaria famiglia composta da lei, dai suoi fratelli e dai suoi fantastici nonni.
Qui di seguito il testo integrale della lettera di Elisa.

La lettera di Elisa

«Carissimi Soci, Amici,
è passato ormai un anno, dalla commovente serata in cui ci siamo incontrati e abbiamo scambiato gli auguri di Natale, serata in cui la Vostra Associazione ci ha consegnato la somma raccolta dalla Vostra lodevole iniziativa: “Una vera e grande dimostrazione di solidarietà espressa nel modo più ampio da tante persone che si sono strette attorno a noi, grazie al vostro impegno”
Ho il piacere con questa mia lettera di raccontarvi cosa è successo in questo anno, come siamo cresciuti noi ragazzi, cosa facciamo e come affrontiamo quotidianamente la nostra vita….
Inizio con raccontare di me, Elisa, ho compiuto 19 anni, a giugno/luglio ho conseguito l’esame di maturità, all’Einaudi di Alba, si è chiuso così il mio percorso scolastico, con un po’ di tristezza, perché lasciavo tutte le persone che mi circondavano in quell’ambito e che in questi anni non facili mi avevano sostenuto, ma nel contempo ero anche felice e soddisfatta del mio risultato, diplomata in Ragioniera e pronta per entrare a far parte del mondo del lavoro, proprio come ho sempre detto, per poter essere di aiuto anche economicamente ai nonni per la nostra crescita, da qualche mese lavoro presso un’azienda Albese, con impegno e imparando sempre cose nuove ogni giorno, accorgendomi che tutto questo è servito ad aprirmi di più verso l’esterno e a non chiudermi nel mio carattere taciturno.
Mio fratello maggiore Raffaele, 17 anni, frequenta la 4° superiore presso l’Einaudi di Alba, come perito elettromeccanico, anche lui verso la fine del suo percorso di studi che lo porteranno verso il mondo del lavoro ; oltre ad avere ottimi risultati a scuola, riesce anche a dedicarsi alla sua passione: giocare a calcio.
Mio fratello Giovanni, 15 anni, da quest’anno frequenta l’Einaudi di Alba, come perito elettronico-informatico, con un ottimo profitto scolastico e impegno in questa nuova avventura di crescita, e nel tempo libero è attivo con Raffaele nel gruppo dell’Oratorio di Govone.
La mia “piccola sorellina” Anna, 12 anni, anche per lei da quest’anno è iniziato un maggior impegno scolastico, iniziando a frequentare la Scuola Media, e impegni collaterali legati alla scuola.

«Grazie ai nostri super nonni»

Posso dire che siamo tutti e quattro cresciuti, con la consapevolezza ogni giorno dei nostri impegni e del nostro futuro e tutto questo grazie ai nostri due “super nonni” che continuano quotidianamente a prendersi cura di noi dedicandoci affetto e amore profondo, tenendo unita la nostra famiglia, sono loro gli artefici di questo miracolo di unità. Con il loro impegno ed i grandi sacrifici e rinunce hanno creato un forte legame diventato sempre più solido, che ci aiutato a superare difficoltà e momenti tristi e noi di questo gliene saremo grati per tutta la vita!
Un ringraziamento di cuore va a tutti Voi che ci siete stati vicini, facendoci sentire il vostro affetto e la grande solidarietà delle persone, per questo tragico fatto che ha segnato la vita della nostra famiglia.

Le cose più belle non sono sotto l’albero

Concludo, lasciandovi un piccolo augurio da tutti noi: “Le cose più belle della vita non si trovano sotto l’albero, ma nelle persone che ti stanno vicino!”
“Buon Natale e felice Anno Nuovo”

Elisa, Raffaele, Giovanni, Anna e i nonni Lucia e Franco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente