La Nuova Provincia > Attualità > Emergenza Coronavirus: ecco il conto corrente per donare una spesa
Attualità Asti -

Emergenza Coronavirus: ecco il conto corrente per donare una spesa

L'iniziativa è promossa dall’Assessorato alle Politiche sociali in collaborazione con l’Associazione “Il Dono del Volo”

Ad Asti è possibile donare 25 euro per pagare la spesa a chi è in difficoltà

Il nuovo Coronavirus ha scatenato un’emergenza sanitaria che rischia di trasformarsi in un’emergenza alimentare, almeno per quelle persone che non possono soddisfare il bisogno primario del cibo quotidiano. Per cercare di aiutare anche loro è nata la nuova iniziativa “Dona la spesa” in collaborazione con l’Assessorato alle Politiche sociali e l’Associazione “Il Dono del Volo” che si occupa della raccolta fondi tramite il seguente IBAN IT45I0608510300000000035686.

L’iniziativa anticipa la grande raccolta alimentare di “Porta la sporta”. Ciò consente, a chi volesse aiutare le persone in grave difficoltà per mancanza di lavoro e quindi per mancanza di danaro, di aiutare pagando una o più spese donando 25 euro sul conto corrente dell’Associazione “Il Dono del Volo” e tramite la causale “DONA LA SPESA”.

Quali generi alimentari conterrà

Il pacco spesa fornirà beni di prima necessità come: pasta, riso, pane secco (grissini, cracker), olio, latte UHT, uova, farina, biscotti, caffè, scatolame: pomodori, legumi, tonno. Le borse verranno confezionate dalla Mensa Sociale e la distribuzione sarà fatta in collaborazione con il Comune, la Pastorale Giovanile, Caritas, Croce Rossa, San Vincenzo, Banco Alimentare. Come ha valutato nutrizionalmente il presidente onorario dell’associazione, il professor Giorgio Calabrese, «il pacco alimentare contiene elementi essenziali per la buona salute, un aspetto importante per evitare che all’emergenza Covid 19 si aggiungano le patologie da scarsa nutrizione o malnutrizione. Questo modello di spesa  fornisce un apporto ottimale di tutti i nutrienti che possono giocare un ruolo fondamentale nel aumentare le nostre difese immunitarie per produrre meglio gli anticorpi necessari a combattere e superare l’eventuale infezione da Coronavirus». Ciò grazie, in particolare, alla presenza di alcune vitamine (A, C, E e D), e di alcuni micronutrienti (zinco e selenio) di cui sono state dimostrate sicure proprietà immuno-stimolanti.

Nel dettaglio, la vitamina C si trova nei vegetali e nei legumi può aiutare a prevenire o alleviare i sintomi di infezioni causate da batteri, virus e protozoi. Il mondo scientifico ha dimostrato che, per esempio nel raffreddore  la vitamina C sembra ridurre la durata dei sintomi con un beneficio moderato  per i pazienti con polmonite.

La D è nel latte, nelle uova e nello scatolame come il tonno, agisce rinforzando la risposta immunitaria a patologie come la polmonite, specie quella da infezioni virali in genere.

Zinco e selenio si trovano in quasi tutti i prodotti del paniere. Un loro deficit, è stato dimostrato, può portare ad alterazioni dell’integrità del sistema immunitario. E’ poi necessario aggiungere frutta e verdura fresche che il pacco-spesa non può contenere perché beni deperibili.