Cerca
Close this search box.
Attualità
Galleria 
Scuola

Esame di Maturità, la parola agli studenti astigiani [photogallery]

I commenti degli alunni del liceo classico Alfieri e dell’istituto Monti al termine delle prove scritte – Dalla prossima settimana al via gli orali

È iniziato mercoledì scorso l’Esame di Stato (Maturità), che nella nostra provincia coinvolge 1.340 studenti. Al liceo classico Vittorio Alfieri la prima prova, ovvero lo scritto di Italiano, è iniziata alle 9 e terminata alle 15, ma già verso le 14 qualche studente usciva sfoderando sorrisi di sollievo.
«Ho scelto la traccia B3 – ha sottolineato Melissa Stefani (classe V C) – di tipo argomentativo-espositivo. Spero sia andata bene e di aver espresso in modo corretto quello che volevo dire, anche perché le idee le avevo ed erano abbastanza articolate».
Il compagno di classe, Lorenzo Merlone, ha invece deciso per la traccia A1, quella sull’analisi di una poesia di Giuseppe Ungaretti. «L’ho scelta perché mi trovo meglio se ho una scaletta da seguire – ha commentato – quindi ritengo di aver fatto una prova dignitosa, approfondita e sensata».
Poco dopo è uscita dal portone della scuola un’altra allieva della V C, visibilmente soddisfatta. «Mi sono piaciute tutte le tracce – ha confidato Giorgia Borgo – che ho trovato davvero interessanti. Inizialmente ero un po’ titubante su quale scegliere: molto bello il testo di Ungaretti, ma alla fine ho optato per la proposta del testo di Rita Levi Montalcini, un elogio alle imperfezioni portato anche nella società di oggi. In realtà – ha continuato – mi aspettavo altri autori, come Pavese che amo molto, però sono lo stesso soddisfatta. Nel mio testo ho parlato anche di esperienze personali, con paragoni e collegamenti».
Parole di apprezzamento anche verso la commissione d’esame. «I professori e il presidente di commissione Calcagno – evidenzia – si sono dimostrati gentili e disponibili, mettendoci così a nostro agio e creando un ambiente sereno».
Il giorno prima degli esami per Giorgia Borgo è stato particolarmente intenso, ma tranquillo. «Sarò un po’ più agitata per la versione di greco – ha concluso – e anche per l’attesa degli orali. Tra l’altro passerò il 25 giugno, per combinazione lo stesso giorno del mio compleanno, per cui ci sarà una doppia festa».

La seconda prova

Il giorno successivo, giovedì, si è svolta la seconda prova. specifica per ogni indirizzo di studio. All’istituto Monti gli studenti hanno iniziato a uscire verso mezzogiorno e, nonostante la percepibile stanchezza, erano nel complesso soddisfatti. «Mi aspettavo un’altra prova, questa l’ho trovata più facile del previsto», racconta Chiara Tuozzo della VUC, la prima studentessa uscita che ha svolto la prova di Scienze umane sul tema dell’educazione.
A seguire i primi studenti del liceo linguistico, che hanno svolto la prova di lingua e cultura straniera 3. «L’ho affrontata con molta serenità e sono molto contenta perché la nostra professoressa ci aveva preparato bene e la prova era molto simile ad una simulazione che avevamo già svolto», ha detto Giulia Pillolo, studentessa della sezione V LA e rappresentante di istituto, impegnata con la lingua spagnola. La sua compagna di classe, Irene Longo, si è richiarata sollevata: «Temevo di trovare un livello linguistico troppo alto. Invece, per fortuna, era una prova da livello B1».
Intorno alle 12.15 sono usciti altri compagni. «E’ andata proprio come mi aspettavo e il compito verteva sugli argomenti che speravo. Ora però c’è l’orale: lo temo perchè potrebbe uscire qualsiasi cosa», commenta Simone Franzero (V UB) del liceo Scienze umane, che ha svolto la prova sull’educazione. Insomma, il timore verso l’imminente esame orale – in programma da questa settimana – sembrava essere comune tra gli studenti: «Ci sono tante materie da ricordarsi, sei da solo contro tutti e non sai cosa potrebbero chiederti», ha concluso Samuele Calabrese, privatista associato alla classe V LA del linguistico.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Edizione digitale