Fondazione CrAsti, mercoledì il CdaMaggiora: «Opereremo con coscienza»
Attualità

Fondazione CrAsti, mercoledì il Cda
Maggiora: «Opereremo con coscienza»

Appuntamento importante mercoledì sera per il CdA della Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, convocato dal presidente Michele Maggiora dopo la pausa natalizia. Sul tavolo si discuterà come far

Appuntamento importante mercoledì sera per il CdA della Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, convocato dal presidente Michele Maggiora dopo la pausa natalizia. Sul tavolo si discuterà come far fronte alle recenti novità apportate dalla Legge di Stabilità che tra i vari provvedimenti conferma l'aggravio fiscale a carico delle Fondazioni bancarie. La quota imponibile degli utili percepiti dalle Fondazioni passa infatti dal 5% al 77,74%.

Le ripercussioni per il territorio rischiano di essere importanti perché con una minor quota di risorse disponibili si temono contrazioni nell'elargizione dei finanziamenti che ogni anno la Fondazione concedeva ad enti e associazioni che operano nei diversi settori: dal sociale alla cultura. Parlando di cifre, la Fondazione CR Asti erogava solitamente contributi per 5 milioni e 500 mila euro. Con la nuova legge e inseguito alla tassazione i finanziamenti a disposizione dell'Astigiano si abbasseranno quindi a 3 milioni e 500 mila euro. Oltretutto la legge è retroattiva e interesserà gli stanziamenti del 2014 che erano già stati messi a bilancio. «Come sempre cercheremo di operare con coscienza e buon senso» è il commento di Michele Maggiora.

Tra gli impegni più importanti, economicamente parlando, della Fondazione ad Asti si contano il contributo annuale di 1 milioni e 100 mila euro al Consorzio dell'ASTISS per il Polo universitario e quello per Palazzo Mazzetti, sede di eventi culturali e mostre, il cui contributo è variabile a seconda dell'evento ospitato. «L'università astigiana è un'istituzione cresciuta bene. Faremo attente valutazioni con la Banca CR Asti, il Comune e la Camera di Commercio che sono gli altri soggetti impegnati nel consorzio» spiega Maggiora. Confermata la mostra "Il Cibo degli Antichi" a Palazzo Mazzetti, il cui allestimento partirà il 1°febbraio per poi essere inaugurata entro marzo in tempo per l'Expo di Milano.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo