Cap
Attualità
Ringraziamenti e considerazioni

Il Capitano del Palio si congeda: il suo intervento in Consiglio

“Per me il Capitano è la figura che deve avere il potere di decidere e non solo una bella statuina senza potere decisionale”

In chiusura del Consiglio tenutosi ieri, il Capitano del Palio Michele Gandolfo ha salutato i presenti e tutti gli addetti ai lavori con un intervento che riportiamo di seguito:

“Volevo esternare alcune mie considerazioni. Penso che dal punto di vista organizzativo siamo riusciti a risolvere un problema (agibilità della pista, n.d.r.) in tempi tutto sommato ristretti, ciò nonostante rimane la non brillante figura fatta per un inconveniente che si poteva evitare.

Per quanto riguarda il mio operato e quello del mio gruppo non abbiamo ancora a disposizione i filmati della corsa. A breve appena arriveranno ed entro 30 giorni li visioneremo e nel caso valuteremo se sanzionare o meno. Per quanto riguarda il mio altro compito di richiedere la licenza e del giro al galoppo ritengo di non aver fatto un’ottima figura come gruppo, ma questo è ciò che può succedere quando nel corso degli anni si smantella il gruppo del Capitano e non si permette a quest’ultimo di scegliersi tutta la squadra.

Come già sapete sono intenzionato a non dare la mia disponibilità ad occupare ancora la prestigiosa carica che in questi 7 anni e 5 Palii ho avuto l’onore di ricoprire.  Questo per svariati motivi tra cui:

° il difficile rapporto con l’Amministrazione, che ringrazio per avermi sempre votato ma che non  mi ha mai dato la possibilità di crearmi la squadra che volevo e permesso di esprimere al meglio il valore del gruppo del Capitano.

° penso che nonostante i tanti voti presi in questi 5 anni ci debba essere qualcuno che l’amministrazione davvero vuole lì, a ricoprire quel ruolo, per permettergli di far crescere il Palio. O almeno me lo auguro.

° Perché per me il Capitano è la figura che deve avere il potere di decidere e non solo una bella statuina senza potere di prendere decisioni.

Ringrazio i Rettori dei Comitati che negli anni mi hanno votato e talvolta anche supportato e sopportato e con cui abbiamo sempre collaborato nel rispetto del regolamento e con il fine ultimo di far crescere la manifestazione. Personalmente ringrazio il mio gruppo, tutti i membri, sia quelli che m hanno aiutato e hanno svolto al meglio il ruolo che ricoprivano sia quelli che hanno fatto di tutto per ostacolarmi, perché da entrambi ho tratto forza per andare avanti.

Un ringraziamento speciale va a Enzo Clerico, il mio Capitano, che mi ha insegnato tanto e a cui devo tutto ciò che so di come si fa il Capitano con la C maiuscola.

E sicuramente un grazie enorme per Katia Bovio dell’ufficio manifestazioni, persona splendida sempre disponibile e puntuale che m ha guidato e aiutato in 13 anni all’interno del gruppo. Lascio con rammarico perché ho dato la mia vita a questa manifestazione e l’ho fatto sempre con la voglia e l’amore immenso che provo per il Palio, ma sono consapevole che serva serenità e il mio rapporto con il Sindaco non può essere di aiuto alla manifestazione.

Rimarrò fino alla prossima elezione a servizio di tutti come ho sempre fatto e auguro al prossimo Capitano di essere all’altezza di difendere un ruolo che ha una grandissima importanza nel nostro Palio e di non buttare via ciò che è stato fatto dai suoi dieci predecessori”.

Da noi interpellato telefonicamente, Gandolfo ha dichiarato: “Non ho molto da aggiungere a quanto affermato in Consiglio. Ho apprezzato tantissimo la location e la partecipazione di numerosi esponenti di Rioni, Borghi e Comuni. A mio parere il Teatro Alfieri sarebbe la sede giusta anche per le prossime sedute. Quello di ieri sera è stato un Consiglio utile e costruttivo. Auguro al Palio tutte le migliori fortune”.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo