Prove di carico: chiude il cavalcavia Giolitti
Attualità
Viabilità

Il cavalcavia Giolitti di Asti chiuderà, in parte, dall’11 luglio per i primi lavori di risanamento

Stanno per iniziare gli interventi propedeutici per l’allestimento del cantiere

L’amministrazione comunale di Asti informa che stanno per iniziare le opere di manutenzione straordinaria del primo tratto del cavalcavia Giolitti, a partire dalla rampa di piazza Amendola e fino alla recinzione della ferroviaria (in corrispondenza di corso Gramsci). I lavori prevedono la sistemazione e il ripristino della funzionalità degli elementi strutturali più ammalorati.

In particolare, specifica il vicesindaco con delega ai Lavori Pubblici Stefania Morra, «sono previsti il risanamento dei pilastri e la sostituzione dei “materassini di appoggio” delle varie campate, operazione che prevede il sollevamento degli impalcati, il risanamento dei traversi e delle testate delle travi, il rifacimento dei giunti stradali e la regimazione degli scarichi della acque piovane».

«L’esecuzione di queste operazioni richiede ovviamente la chiusura del cavalcavia – continua il vicesindaco Morra – che è prevista  a partire dall’11 luglio: tale chiusura verrà presegnalata su tutto il territorio comunale mediante l’installazione di apposita segnaletica verticale di preavviso del cantiere; del cavalcavia continueranno ad essere fruibili per tutta la durata dei lavori le seguenti due rampe: da corso Venezia per corso Alba e da corso Alba per corso Venezia».

«Ovviamente siamo consapevoli del disagio che si creerà alla viabilità, – aggiunge il sindaco Maurizio Rasero – ma è un intervento da molto tempo atteso e fondamentale per preservare nel tempo la funzionalità delle struttura». 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo