Il civatiano Aceto: «Nel partito c'èun'enorme questione morale»
Attualità

Il civatiano Aceto: «Nel partito c'è
un'enorme questione morale»

Il PD, i cui principi ho sposato in maniera entusiastica qualche anno fa, non è più la stessa cosa. Considerato il mio breve percorso politico non posso certamente affermare che prima fosse

Il PD, i cui principi ho sposato in maniera entusiastica qualche anno fa, non è più la stessa cosa. Considerato il mio breve percorso politico non posso certamente affermare che prima fosse migliore: probabilmente aveva grossi limiti ma appariva ai miei occhi quantomeno perfettibile e per quello scopo mi ero messo a disposizione. Il "cambiaverso" mi ha invece regalato esperienze dirette poco edificanti come il congresso del 2013 e un passaggio di sola andata da osteggiatore del Berlusconismo a sostanziale "alleato" di Brunetta e Verdini.

I dubbi son cresciuti esponenzialmente con il filotto di cumuli di cariche, politicamente e statutariamente discutibili, dei massimi rappresentanti politico-istituzionali del PD locale e nazionale. Speravo si trattasse di una fase transitoria, invece le primarie liguri generano in me l'ulteriore dubbio di una deriva verticistica che basa le sue fondamenta su un vero e proprio "sistema" anziché sulle normali dinamiche democratiche di un Partito.

In questo senso il netto calo di tesseramento del PD locale non può che essere un tassello del mosaico del "sistema" che speriamo non viri pericolosamente verso un Nazareno locale i cui effetti collaterali potrebbero riconsegnare, magari anche con l'ausilio di una deprecabile "manina", persino l'amministrazione della città al centrodestra attualmente stranamente quiescente. Il senso di responsabilità prevale, ma esiste nel PD una questione morale grossa come una casa e non volerla affrontare, anche a livello locale, potrebbe condurmi a non poter proprio più giocare nella stessa squadra.

Clemente Elis Aceto
consigliere comunale PD di area Civati

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo