La Nuova Provincia > Attualità > Il Palio che era…. era davvero un gran Palio!
Attualità, Palio Asti -

Il Palio che era…. era davvero un gran Palio!

Anno 1977: il Capitano Romano Coppellotti parla ai Rettori di Borghi, Rioni e Comuni, figure note e di grande impatto nella Asti del tempo

Riunione informativa con i Rettori

Un altro tuffo nel passato legato al nostro Palio. Dopo aver rivissuto sull’edizione di venerdì 10 gennaio il post corsa del 1985, andiamo ancora più indietro nel tempo, esattamente al 1977. L’immagine sopra venne scattata nel maggio di quell’anno: l’allora Capitano del Palio Romano Coppellotti, di spalle con il foglio in mano, nel corso di una riunione parla ai Rettori. Quell’anno furono in quindici i Comitati a contendersi il Drappo dipinto da Gea Baussano.

Un elenco di tutto riguardo

Li elenchiamo in ordine alfabetico citando i rispettivi Rettori, molti dei quali riconoscibili nella fotografia: Canelli (Giancarlo Pulacini); Cattedrale (Giovanni Pasetti); Costigliole (Luigi Gozzellino); Don Bosco Viatosto (Pietro Sodano); Montechiaro (Luciano Castino); San Lazzaro (Mario Torta); San Martino San Rocco (Mario Scassa); San Paolo (Secondo Magnone); San Pietro (Gabriella Visconti); San Secondo (Pippo Sacco); San Silvestro (Sergio Panza); Santa Caterina (Gianni Monticone); Santa Maria Nuova (Enrico Narbonne; Torretta (Leandro Gallo) e Tanaro-Trincere-Torrazzo (Piero Fassi).

Vinse la Cattedrale: due sole le accoppiate classificate

Nel 1977 la vittoria andò al Rione Cattedrale con il fantino Marco Grattarola su Larson, che precedette Costigliole (Antonio Pigliaru su Is Gulesz). Soltanto le due accoppiate appena elencate vennero classificate: Tanaro non corse la finale per la tragica fine di Kim, Santa Caterina invece non la disputò poichè Ettore Simonazzi, proprietario del purosangue dei rossocelesti, lo ritirò in seguito alla precedente squalifica di altri due suoi cavalli, Torretta e San Secondo, giunti fuori tempo massimo in piazza per disputare la batteria. San Paolo (Ruiu su Aramis) restò piantato alla mossa, mentre Mauro Finotto, fantino di San Martino San Rocco fermò il suo Calvello per un infortunio dopo un giro e mezzo. Sindaco di Asti quell’anno era Gian Piero Vigna, in carica dal 1975 fino al 1981.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente