Il Premio Castiglione alla tradizioneva al regista Scaglione e alla Brofferio
Attualità

Il Premio Castiglione alla tradizione
va al regista Scaglione e alla Brofferio

Lo ha annunciato nel corso di una conferenza stampa singolarmente aperta da un canto in lingua piemontese degli Arliquato, la giuria del premio composta da Lorenzo Fornaca, Luciano Nattino, Paolo Raviola, Pippo Sacco e Albina Malerba.  La consegna del premio avverrà domenica prossima, 2 giugno, nel pomeriggio, nel corso di una festa che prevede anche momenti di musica e di recitazione…

Sono il regista Massimo Scaglione e la Compagnia teatrale Brofferio i vincitori della terza edizione del Premio Castiglione d'Asti alla tradizione piemontese. Lo ha annunciato nel corso di una conferenza stampa singolarmente aperta da un canto in lingua piemontese degli Arliquato, la giuria del premio composta da Lorenzo Fornaca, Luciano Nattino, Paolo Raviola, Pippo Sacco e Albina Malerba.
La consegna del premio avverrà domenica prossima, 2 giugno, nel pomeriggio, nel corso di una festa che prevede anche momenti di musica e di recitazione.

Per Massimo Scaglione si tratta di un riconoscimento in qualità di autore di saggi sulla tradizione del Piemonte e di fine cultore della lingua piemontese oltre al suo impegno, nel corso della sua carriera, alla produzione di filmati su figure storiche ed importanti come la Contessa di Castiglione, appunto. Anche se nativo di Garessio, Scaglione ha sempre frequentato molto l'Astigiano e suo padre è stato per molti anni il capostazione di Moncalvo, come ha ricordato Pippo Sacco nella motivazione del premio.

Se a Scaglione è stato assegnato il premio a carattere regionale, quello più strettamente legato alla valorizzazione del territorio astigiano va alla Compagnia Brofferio che ha avuto, fra i fondatori, <quel "monumento" di saggezza pratica e pragmatica che fu Emanuele Pastrone> ha spiegato Paolo Raviola.
Una Compagnia che ha sempre raccontato, nei suoi spettacoli, storie di gente povera ma piena di speranza. Un gruppo di attori che ha fatto della solidarietà e della generosità il suo tratto distintivo.

Daniela Peira

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo