Il vitellone diventa Igp e premia il Piemonte
Attualità

Il vitellone diventa Igp e premia il Piemonte

Dopo un iter durato sette anni, tra slalom burocratici e le immancabili resistenze, adesso la carne di “Vitellone Piemontese della coscia” ha ufficialmente ottenuto la “Indicazione Geografica Protetta” (IGP)

Strenna natalizia per gli allevatori di bovini pedemontani. Dopo un iter durato sette anni, tra slalom burocratici e le immancabili resistenze, adesso la carne di “Vitellone Piemontese della coscia” ha ufficialmente ottenuto la “Indicazione Geografica Protetta” (IGP).

L’atto è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione Europea (serie C) il 23 dicembre. Traguardo importante per l’economia bovinicola del Piemonte.

Con 350 mila capi della pregiata razza “Piemonte”, i cui animali sono caratterizzati dal manto candido, e più di seimila aziende il settore dà lavoro a oltre 15 mila addetti per un giro d’affari che supera il miliardo di euro. Il solo allevamento fattura più di 500 milioni di euro.

Continua la lettura sul giornale in edicola, o acquista la tua copia digitale

Giovanni Vassallo

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo