In bolletta una famiglia su duePiù debitori che risparmiatori
Attualità

In bolletta una famiglia su due
Più debitori che risparmiatori

Le famiglie che dichiarano difficoltà per almeno un motivo passano dal 43,2% al 51,9%, valore superato solo nel 2008. La percentuale di chi ha problemi a far quadrare il bilancio familiare aumenta dal 19 al 24%, soprattutto per “colpa” della casa: un piemontese su quattro, infatti, incontra difficoltà a pagare bollette e affitto. Aumentano anche il numero di chi fa fatica a coprire le spese per la salute e i costi relativi alla scuola…

Il 44,3% degli astigiani ha difficoltà a sostenere almeno una voce del bilancio familiare (spese per casa, salute, scuola, alimentari, copertura debiti, servizi alla persona). Dato che pone la nostra provincia terz’ultima in Piemonte: peggio di noi stanno solo Torino (46,1%) e Verbania (47,1%).
Emerge dall’indagine “Clima di opinione 2013” condotta da Ires Piemonte, pubblicata martedì e relativa al 2012, ad eccezione di una postilla sui dati disaggregati per provincia relativi al 2011 (quelli aggiornati saranno pubblicati a fine aprile).

«La ricerca – spiega Maurizio Maggi, uno dei coordinatori dello studio – è basata su un campione di 1250 cittadini piemontesi intervistati al telefono su tre diversi ambiti: economico, sociale e personale». Ne risulta che la percentuale di chi ha problemi a far quadrare il bilancio familiare aumenta dal 19 al 24%, soprattutto per “colpa” della casa: un piemontese su quattro, infatti, incontra difficoltà a pagare bollette e affitto, dato in crescita rispetto all’anno precedente. Aumentano anche il numero di chi fa fatica a coprire le spese per la salute (dall’11 al 24%) e i costi relativi alla scuola (dal 7% a quasi l’11%). Persino per le spese alimentari si passa dal 6% di famiglie che si dichiarano in difficoltà al 13,9%, pari a più del doppio.

In generale, quindi, le famiglie che dichiarano difficoltà per almeno un motivo passano dal 43,2% al 51,9%, valore superato solo nel 2008.
Come conseguenza, per la prima volta il numero dei piemontesi che s’indebitano supera quello di chi risparmia: dato mai registrato, nemmeno nel 2008.

Elisa Ferrando

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo