Castigliano 2
Attualità
Scuola

Istituto Castigliano, il coding applicato ai percorsi di orientamento

Nei giorni scorsi si è svolta la “lezione ponte” che ha coinvolto in vari laboratori 18 alunni delle scuole medie

Il coding applicato ai percorsi di orientamento rivolti agli studenti di terza media, in vista delle iscrizioni all’anno scolastico 2023/2024.
E’ una delle più recenti iniziative attuate all’istituto professionale Castigliano, svoltasi mercoledì.
«Abbiamo proposto alle scuole medie – ha spiegato la docente Sara Scapparino, animatore digitale dell’istituto – laboratori per conoscere i vari indirizzi attivi nel nostro istituto, che coinvolgessero attivamente i ragazzi tramite attività di coding, che ci interessa soprattutto come attività che sviluppa la capacità di risoluzione di problemi e criticità».
Ai 18 alunni partecipanti mercoledì, divisi in cinque squadre (provenienti dalla Parini e della media di Portacomaro), sono state assegnati compiti di vario tipo, a seconda degli indirizzi, così da comprendere e conoscere in modo efficace cosa si studia nei vari indirizzi. Il tutto sotto la guida di studenti del quinto anno del “Castigliano”, in modo da sfruttare anche le potenzialità della cosiddetta “educazione tra pari”.
I ragazzi delle medie si sono così alternati nei diversi laboratori della scuola. Nell’aula di Moda, ad esempio, hanno utilizzato Photoshop per disegnare il figurino moda e porre le basi della confezione dei capi, vista come attività di coding. Per quanto riguarda il corso di Manutenzione e assistenza tecnica, il tornio è diventato strumento per creare le monete simbolo del gruppo di lavoro, mentre presso il Faber Lab dell’indirizzo Industria e artigianato per il Made in Italy – Settore Meccanico i ragazzi si sono mossi tra stampanti 3D, laser cut, Coding Unplugged, Scratch e Microbit. E ancora, nel laboratorio “Musicando” del corso Servizi per la sanità e l’assistenza sociale, hanno potuto conoscere il ruolo della musica come attività ricreative che diplomati devono saper proporre alle loro utenze.

Tra “Code week” e PNRR

Le attività di coding rivolte alle scuole medie erano già state proposte lo scorso novembre, in occasione dell’Europe Code Week 2022, dedicata a promuovere il pensiero computazionale attraverso il coding, promossa e sostenuta dalla Commissione europea, con l’adesione di 25 studenti della scuola media “Brofferio – Martiri della libertà”.
Ora, invece, la “versione” legata all’orientamento – organizzata in occasione dell’open school e, appunto, delle lezioni “ponte” per gli studenti di terza media dai docenti del team digitale dell’istituto, in collaborazione con i colleghi della commissione orientamento – inserita nell’ambito delle azioni del PNRR.
Come spiega la dirigente, Martina Gado. «In totale abbiamo ricevuto 600mila euro. Una metà destinata a progetti sull’inclusione e il recupero delle competenze, su cui sta lavorando il gruppo di lavoro coordinato dalla nostra ex docente Roberta Borgnino. Una metà destinata, appunto, all’implementazione, dal punto di vista tecnologico, dei nostri laboratori, potenziando attrezzature, macchinari e sofware, così da sfruttare questa occasione per renderli all’avanguardia. Un “capitolo”, questo, su cui sta lavorando il gruppo di lavoro coordinato dal professor Mirko Marengo».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo