La Curva del Cristo a Callianoè di nuovo aperta al traffico pesante
Attualità

La Curva del Cristo a Calliano
è di nuovo aperta al traffico pesante

Da alcuni giorni è tornato libero il transito dei veicoli pesanti nella curva "del Cristo". Revocata da venerdì scorso l’ordinanza che limitava a Tir ed autotreni (oltre 75 quintali di

Da alcuni giorni è tornato libero il transito dei veicoli pesanti nella curva "del Cristo". Revocata da venerdì scorso l’ordinanza che limitava a Tir ed autotreni (oltre 75 quintali di peso) il transito in una sola direzione, quella da Casale verso Asti. Nel tragitto contrario il transito era consentito ai soli veicoli che dovevano effettuare consegne ed erano diretti in paese. Divieto che riguardava il tratto urbano dell’ex statale 457 Asti-Casale, con deviazione obbligatoria sul confine con Castell’Alfero Stazione e percorso consigliato lungo la provinciale della Valle Versa. Il provvedimento era operativo dal 29 aprile scorso quando venne firmato dall’allora sindaco Alfredo Poli. Sessanta giorni durante i quali i camionisti sono stati abbastanza rispettosi, anche se alcune contravvenzioni sono state rilevate durante i monitoraggi da parte di Polizia municipale e Forze dell’ordine.

«La revoca è stata una decisione conseguente all’incontro avuto nei giorni scorsi in Prefettura – precisa l’attuale primo cittadino, Paolo Belluardo – dove erano presenti anche i referenti del Comitato spontaneo dei cittadini che chiedono la realizzazione della variante, con la presidente Maria Angela Testolina ed il portavoce Leonardo Pintori». In quella circostanza da parte dei rappresentanti dello Stato sono state fatte precise rassicurazioni che entro il prossimo 20 luglio verrà aperto un tavolo di lavoro che affronterà il tema legato alla viabilità urbana e conseguentemente alla sicurezza». Un tavolo a cui prenderanno parte, oltre al Prefetto ed ai rappresentanti dell’Amministrazione callianese, anche referenti di Regione e Provincia. «Dobbiamo ringraziare il Prefetto di questo intervento che ha l’obiettivo di trovare soluzione alle problematiche lamentate da anni dalla popolazione e necessitano di una risposta urgente, non più procrastinabile. Crediamo nell’impegno assunto nell’effettuare quei lavori che riteniamo indispensabili», conclude il sindaco Belluardo.

Dopo il ritiro dell’ordinanza vengono meno i ricorsi che si opponevano ad essa, presentati nelle scorse settimane. Il primo lo aveva depositato innanzi al Tar del Piemonte il Comune di Montiglio Monferrato, da sempre dichiaratosi contrario al provvedimento in quanto andava ad aumentare il transito di mezzi pesanti lungo la già trafficata frazione Sant’Anna. Seconda opposizione era stata invece manifestata dalla Confartigianato Asti che l’aveva posta all’attenzione del Prefetto.

Maurizio Sala

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo