Enrica Montagna
Attualità
Governo

La dott.ssa Enrica Montagna è il nuovo viceprefetto vicario di Asti

Originaria di Tortona, ha già ricoperto numerosi importanti incarichi ad Alessandria e Pavia

Asti ha il suo nuovo viceprefetto vicario. Si tratta della dott.ssa Enrica Montagna che ha presto il posto del dott. Arnaldo Agresta oggi al lavoro, sempre come vicario, alla prefettura di Ravenna.

La dott.ssa Montagna, che si è insediata questa mattina, è originaria di Tortona e ha due figli. Dopo aver conseguito la laurea in Giurisprudenza all’Università degli Studi di Pavia, è entrata in carriera nell’ottobre 1994 ed è stata assegnata alla Prefettura di Pavia. Trasferita alla Prefettura di Alessandria nel 1999, è stata assegnata all’Ufficio di Gabinetto, quale funzionario addetto, ricoprendo poi diversi incarichi dirigenziali tra i quali: dirigente del Servizio di Gestione del Personale, vicecapo di Gabinetto, Dirigente dell’Area II – Raccordo e Collaborazione con gli Enti Locali, Consultazioni Elettorali e Referendarie, dirigente dell’Area IV – Diritti civili, cittadinanza, condizione giuridica dello straniero, immigrazione e diritto d’asilo, dirigente dell’Area V – Protezione Civile, Difesa Civile e Soccorso Pubblico.

Promossa alla qualifica di viceprefetto, dal febbraio 2019 ha svolto le funzioni di capo di Gabinetto alla Prefettura di Alessandria e, dal luglio 2020, alla Prefettura di Pavia, dalla quale proviene. Tra i numerosi incarichi espletati dalla dott.ssa Montagna nel corso della sua carriera, spiccano quelli di commissario straordinario nei Comuni di Alice Bel Colle, Bassignana, Gavazzana e Sezzadio.

Nel dare il benvenuto al nuovo viceprefetto Vicario, il prefetto Ventrice ha formulato alla dirigente «i migliori auguri di un buon lavoro al servizio della comunità astigiana», dicendosi certo che la dott.ssa Montagna «saprà ricoprire con competenza e professionalità il delicato incarico oggi assunto».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo