VBsiccita-consegna-serbatoi
Attualità
Bubbio

La Provincia consegna in Valle Bormida serbatoi d’acqua contro l’emergenza idrica

Circa 14 mila litri, in svariati contenito, grazie alla collaborazione con la Protezione Civile di Canelli

Sono circa 14 mila litri d’acqua, stipati in appositi serbatoi, quelli assegnati dalla Provincia ai comuni di Val Bormida e Langa Astigiana. Le operazioni di raccolta avevano preso il via già a giugno, con la cessione al Coordinamento Provinciale di Protezione Civile di vasche, serbatoi e cisterne, poi portati al COM di Bubbio, capofila per la protezione civile in zona. In totale si tratta di 3 vasche da 3 mila litri, 2 serbatoi da 1000 e 3 serbatoi rispettivamente da 1500, 800 e 750 litri.

Il gruppo di Protezione Civile di Canelli, coordinato da Gianni Guadagnin e Arnaldo Aceto, ne ha provveduto alla consegna ufficiale sabato. A ricevere le riserve idriche sono stati il sindaco di Bubbio, Stefano Reggio, il caposquadra A.I.B. Andrea Capra e la consigliera provinciale Angelica Corino, delegata al dissesto idrogeologico, UNESCO e Campeggio di Roccaverano.

«L’acqua potabile sarà distribuita tramite i comuni che ne faranno richiesta al COM per il rifornimento dei residenti, gli allevamenti e per le attività turistiche ricettive – spiegano dall’ente provinciale – i sindaci potranno rivolgersi direttamente al loro Centro Operativo Misto di riferimento, a Bubbio, che ha già preso contatti con i comuni e con la società di distribuzione idrica».

«Vista la siccità già constatata in primavera abbiamo cercato di essere previdenti e trovare una soluzione attuabile nell’immediato, in accordo con il volontariato astigiano. I serbatoi garantiranno scorte per oltre 14 mila litri di acqua. Un particolare ringraziamento va rivolto a Valter Marenco, Stefano Martini e a Massimo Pregliasco insieme a tutti volontari di Protezione Civile e A.I.B., ancora una volta capaci di garantire il massimo impegno e dinamicità nel gestire qualsiasi tipo di emergenza» conclude Angelica Corino.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo