La Nuova Provincia > Attualità > L’appello del ristoratore: «Fermate i monopattini sotto i portici Pogliani»
Attualità Asti -

L’appello del ristoratore: «Fermate i monopattini sotto i portici Pogliani»

Natalino Lentini titolare insieme al figlio Stefano del ristorante, pizzeria e vineria Albacco, ha deciso di dire basta a chi sfreccia davanti alla sua attività

Asti: sotto i portici Pogliani i monopattini sono pericolosi

Vietato andare in biciclette o in monopattino elettrico sui marciapiedi, lo dice la legge e lo conferma, in modo più colorito, Natalino Lentini titolare insieme al figlio Stefano del ristorante, pizzeria e vineria Albacco di piazza Alfieri 25 (sotto i portici Pogliani). Il locale, inaugurato nel 2017, secondo le ultime normative, ha potuto estendere il proprio spazio operativo con un maggior numero di tavolini esterni: «Circa trenta metri di dehor – sottolinea Lentini – che si allungano sotto i portici di questa piazza che per me è sempre stata un punto di riferimento»; trenta metri per rianimare una zona un po’ dimenticata dagli astigiani.

«Dopo di noi – continua – sono arrivate altre attività e la speranza è proprio quella di ridare lustro ai portici Pogliani, peccato che i nostri buoni propositi per rendere accogliente questa parte di città siano funestati dal continuo passaggio di biciclette e, ultimamente, di monopattini elettrici che sfrecciano come proiettili anche a 20/25 km h sul marciapiede mettendo a repentaglio, come è successo più volte, la sicurezza dei miei dipendenti».

La zona dei portici interdetta ai monopattini

«La legge è chiara e le regole ci sono»

I titolari di Albacco si sono già rivolti alla polizia municipale facendo presente la situazione, ma la risposta è stata che loro fanno quello che possono: «Eppure la legge è chiara, le regole ci sono – insiste Lentini che si è documentato – e ci sono anche le sanzioni, che possono superare i 100 euro, bisogna solo cogliere le persone sul fatto». In più, se mai dovesse succedere un incidente, responsabile sarebbe proprio la famiglia Lentini. «Così, mettendo mano al nostro portafoglio – spiega il titolare di Albacco – abbiamo fatto fare due cavalletti con cartelli in cui si indica l’inizio e la fine del plateatico e il divieto di transito, in questo tratto di porticato, per biciclette e monopattini elettrici».

Un ricordare alle persone incivili che quel passaggio è riservato esclusivamente ai pedoni, augurandosi che due cartelli bastino, che servano, che facciano riflettere chi di dovere, che portino rispetto per la legge e per il prossimo e che evitino un eventuale e inammissibile incidente.

Articolo precedente
Articolo precedente