La Nuova Provincia > Attualità > L’appello del sindaco di Asti: “Non assaltate i supermercati”
Attualità Asti -

L’appello del sindaco di Asti: “Non assaltate i supermercati”

Intanto il presidente della Regione Alberto Cirio annuncia di essere positivo al Covid-19, ma asintomatico

Il sindaco di Asti invita i cittadini a restare in casa

Poco fa abbiamo raccontato che molti astigiani si sono riversati nei supermercati dopo aver saputo dell’istituzione dei nuovi divieti, molto restrittivi, per contenere la diffusione del Coronavirus.

CALMA E SANGUE FREDDO! Stiamo lavorando per gestire al meglio questo difficile momento. NON ASSALTATE i supermercati . Non serve perché continueranno ad essere garantiti i rifornimenti e perché si fa esattamente il contrario di quello che bisogna fare . #attenzione #sicurezza #stareacasa #perpiacere #asti #coronavirus #nopanico #cittàdiasti #comunediasti #sindacodiasti #raserosindaco #speranza #celafaremo

Pubblicato da Rasero Maurizio su Domenica 8 marzo 2020

 

Per cercare di fermare questi assembramenti, dove segnalati, è appena intervenuto il sindaco di Asti Maurizio Rasero con un videomessaggio registrato mentre si trovava in riunione con il prefetto e le massime autorità locali.

“Non assaltate i supermercati – è l’appello di Rasero – Non serve perché continueranno ad essere garantiti i rifornimenti e perché si fa esattamente il contrario di quello che bisogna fare”.

Il presidente della Regione Cirio è positivo al Covid-19

Intanto un altro videomessaggio arriva dal presidente della Regione Alberto Cirio che, da casa sua, ha informato i cittadini di essere positivo al Covid-19. Cirio ha fatto il tampone nella serata di ieri dopo aver appreso che il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, è stato a sua volta contagiato. Cirio aveva incontrato Zingaretti pochi giorni fa a Roma durante un incontro istituzionale.

“Sto bene e non mi fermo” è il messaggio di Cirio ai piemontesi mentre conferma di essere asintomatico e di dover restare isolato per il tempo della quarantena pur con l’intenzione di continuare il suo lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente