15bis
Attualità
Galleria 
Moncalvo

Le ambulanze 118 di giorno e di notte nel nord Astigiano

Con il primo turno notturno, composto da infermiere e volontari, diventa realtà l’estensione del sistema di soccorso sanitario a Moncalvo

Da qualche giorno il servizio ambulanze del “118” è attivo, giorno e notte, presso la sede della Croce Rossa di Moncalvo. Lunedì 21 novembre, con il primo turno notturno, composto da infermiere e volontari, è finalmente partita h24 la copertura sanitaria di emergenza urgenza “118” nel nord Astigiano.

Un’area che comprende anche parte del Casalese e dell’Alessandrino per un totale di circa 60 Comuni con 66 mila abitanti e che, quindi, avrà a disposizione un’ambulanza con medico e infermiere di giorno (Alfa) e con il solo infermiere di notte (India).

L’evento è stato celebrato lunedì scorso con un’inaugurazione ufficiale, presso la sede della Croce Rossa Italiana di Moncalvo in corso XXV Aprile 17, alla presenza di tanti volontari dell’associazione e delle autorità civili locali. Presenti il vicepresidente della Regione Piemonte Fabio Carosso e l’assessore Marco Gabusi che hanno portato i saluti dell’assessore alla Salute Luigi Icardi, impossibilitato ad essere presente, il sindaco di Moncalvo, Christian Orecchia, con l’ex primo cittadino, Aldo Fara, il sindaco di Calliano, Paolo Belluardo, con la collega di Penango, Cristina Patelli. Presenti anche il dottor Gianluigi Fantato, direttore f.f. SEST 118 Al-At e la dottoressa Simona Bazzano, coordinatrice infermieristica SEST 118 Al-At  e con loro una nutrita delegazione di medici e infermieri che prestano servizio sulle ambulanze del 118 a dimostrazione di quanto fosse sentita questa estensione d’orario.

A fare gli onori di casa il presidente del Comitato CRI di Asti, Stefano Robino, insieme alla referente di sede di Moncalvo, Marisa Garino, da cui sono arrivati i ringraziamenti ai volontari moncalvesi e, in modo particolare a Diego Musumeci e Giovanni Sandiano che in quest’ultimo anno si sono spesi per trasformare in realtà una necessità sanitaria che durava ormai da anni e che ora permetterà alla delegazione di operare per tutto l’arco della giornata in situazioni di emergenza e urgenza sanitaria al pari delle altre tre postazioni 118 con mezzi di soccorso avanzato presenti in provincia (Asti, Nizza e Villafranca).

«Questo è il risultato di un lavoro di tanti durato tanto – ha commentato il vicepresidente della Regione Piemonte, Fabio Carosso – che ci dà gioia e soddisfazione. Tante persone si sono adoperate per ottenere questo risultato sia sul territorio sia in Regione e grazie a loro l’obiettivo è stato raggiunto. I risultati si portano a casa poco per volta».

Anche l’assessore Gabusi, che conosce bene il settore dell’emergenza urgenza 118 perché sotto la sua presidenza della Provincia di Asti si era riusciti a ottenere due nuove ambulanze nell’Astigiano (Asti e Canelli), ha tenuto a evidenziare il fatto che ora «la sicurezza sanitaria è garantita non solo a Moncalvo ma su tutto il territorio che orbita intorno alla città aleramica fino al Casalese e all’Alessandrino».

Non è potuto essere presente all’inaugurazione, per motivi famigliari, l’ex presidente della Provincia di Asti Paolo Lanfranco che per oltre un anno ha seguito da vicino lo sviluppo della vicenda e, in più occasioni, si è coordinato con la Regione Piemonte per arrivare alla tanto auspicata estensione del servizio. Un risultato raggiunto anche grazie al suo lavoro svolto sottotraccia, lontano dai clamori mediatici, ma con grande determinazione.

Alla Croce Rossa di Moncalvo lavorano cinque dipendenti e prestano servizio una settantina di volontari. La scorsa settimana è stato è presentato un nuovo corso per diventare volontari soccorritori. C’è ancora tempo questa settimana per iscriversi. Per poter partecipare al corso è obbligatorio effettuare l’iscrizione sul portale GAIA all’indirizzo www.gaia.cri.it oppure telefonare in sede (0141/921313) o scrivere alla mail moncalvo@criasti.it.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Edizione digitale
Precedente
Successivo