La Nuova Provincia > Attualità > L’incredibile viaggio in bici di Filippo si concluderà sabato pomeriggio
AttualitàAsti -

L’incredibile viaggio in bici di Filippo si concluderà sabato pomeriggio

Dopo 613 giorni passati in sella, esplorando diversi Paesi dell'Africa, il giovane tornerà a casa a Castelnuovo Don Bosco

Una pedalata lunga 613 giorni

Sabato pomeriggio sarà un giorno da ricordare per Castelnuovo Don Bosco perché, dopo 613 giorni dalla partenza (2 gennaio 2018), Filippo Graglia tornerà a casa. Laureato in Ingegneria Aerospaziale al Politecnico di Torino e già dipendente dell’Avio di Rivalta, Filippo ha intrapreso un lungo viaggio in bicicletta per esplorare vari Paesi dell’Africa, ma per arrivarci ha anche attraversato la Francia, la Spagna, lo Stretto di Gibilterra, per poi pedalare in Marocco, nel Sahara Occidentale, in Mauritania, in Senegal, in Gambia, nella Guinea-Bissau, in Guinea, nella Sierra Leone, in Liberia, in Costa d’Avorio, nel Burkina Faso, nel Togo, in Benin, nella Nigeria, nel Camerun, nel Congo, nell’Angola, nella Namibia fino al Sudafrica.

Quando a metà agosto, dopo oltre 23.000 km in bici, ha deciso di tornare a casa, non l’ha fatto riposandosi, ma volando in aereo fino a Roma da dove ha intrapreso la risalita degli Appennini, in bicicletta, puntando verso il Piemonte. Un’avventura davvero incredibile che terminerà sabato nell’ultima tappa del viaggio, da Valenza a Castelnuovo Don Bosco, quando Filippo farà ritorno nel punto di partenza pedalando con alcuni amici pronti ad accoglierlo lungo il tragitto. Poi si riposerà e avrà un po’ di giorni per raccontare alla famiglia tutti i dettagli di un viaggio che ha mostrato con immagini mozzafiato attraverso il suo profilo Facebook, la pagina “A-Round About” e su Instagram sulla pagina “Aroundabout2018”.

Non sono mancati momenti difficili durante il viaggio in Africa, come quando, nella foresta del Camerun, ha contratto la malaria con il rischio di non farcela. Aver rischiato la vita, aver perso dieci chili e una riabilitazione di una decina di giorni, in condizioni comunque non facili, non l’hanno fermato perché Filippo aveva messo in conto che non sarebbe stato un viaggio semplice. Ora che sta per finire, non ha dubbi che sia stato giusto farlo e già pensa a nuove mete da raggiungere in compagnia della sua fedele bicicletta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente