La Nuova Provincia > Attualità > L’ombra del Covid minaccia a Costigliole d’Asti l’evento “Rosso Barbera”
Attualità Costigliole - San Damiano -

L’ombra del Covid minaccia a Costigliole d’Asti l’evento “Rosso Barbera”

La decisione sulla manifestazione in settimana. Intanto, provvedimenti del sindaco a tutela della salute: «Tutti vogliamo tornare alla normalità, ma dobbiamo assumerci la responsabilità di fermarci»

Provvedimenti del sindaco per tutelare la salute

Sarà presa in questi giorni la decisione da parte dell’amministrazione comunale sulla possibilità o meno dello svolgimento della manifestazione “Rosso Barbera”, dedicata ai vini principi del territorio, al tartufo e alle altre eccellenze gastronomiche del territorio e prevista per l’inizio del mese di novembre, con un doppio weekend di appuntamenti. L’annuncio è stato dato nel pomeriggio di domenica dal sindaco Enrico Cavallero in un messaggio video attraverso la pagina Facebook del Comune. Il primo cittadino ha fatto il punto sulla situazione, rispetto alla recente recrudescenza del virus: «Non abbiamo casi, al momento, a Costigliole di contagio da Coronavirus, ma abbiamo deciso come sindaci dell’Unione collinare di chiedere alla polizia locale di vigilare sul rispetto dell’uso delle mascherine anche all’aperto e, come sindaco, ho disposto a Costigliole la chiusura del centro anziani, della Sala musica e delle palestre delle scuole – ha spiegato Cavallero – Inoltre, era già in allestimento, anche se in forma diversa per preservare dal rischio di contagi, la manifestazione “Rosso Barbera” al castello, dopo il successo dello scorso anno che ha registrato numeri eccezionali. Ma la situazione di innalzamento dei contagi ci ha ovviamente indotto ad una riflessione in merito e, nella giornata di sabato, abbiamo incontrato il presidente dell’associazione dei produttori di Costigliole e il presidente del Consorzio Barbera d’Asti e l’orientamento è per un rinvio dell’evento. La decisione definitiva verrà presa nel corso di questa settimana». «Come primo cittadino ho il dovere di tutelare innanzitutto la salute dei miei concittadini, cercando di preservare, finché sarà possibile, due diritti fondamentali quali la scuola e il lavoro. Tutti vogliamo tornare alla normalità, ma dobbiamo assumerci la responsabilità di fermarci», ha aggiunto Cavallero. Da parte dell’amministrazione comunale sono anche state decise misure di aiuto alle famiglie degli studenti relativamente a servizio mensa e trasporto scolastico, come annunciato dal vicesindaco e assessore al bilancio Tanya Arconi: «Si è deciso di venire incontro alle famiglie degli studenti che frequentano le scuole costigliolesi, non facendo ricadere su di loro gli aumenti dei costi del servizio mensa e del trasporto scolastico, aumenti derivati dalla necessità di conformarsi alle normative anticovid, ma di cui il Comune ha scelto di farsi carico».

Marta Martiner T.