Prastaro Marco con crocifisso
Attualità
Diocesi

Marco Prastaro: «L’annunciata chiusura del “Maina” ci lascia smarriti»

Lo ha scritto il vescovo di Asti nel tradizionale messaggio di auguri per Natale: «Nonostante tutto siamo ancora chiamati ad andare alla grotta di Betlemme per adorare un bambino che è la nostra salvezza»

Pubblichiamo di seguito gli auguri di Natale del vescovo di Asti, monsignor Marco Prastaro

Una tristezza piena di vergogna pervade la nostra città: l’annunciata chiusura della casa di riposo “Città di Asti” (ex Maina) ci lascia smarriti e pieni di interrogativi. Ci preoccupa il futuro delle persone che lì sono ospitate – alcune da molti anni – e il futuro dei lavoratori della struttura. L’indifferenza che abbiamo registrato in questi anni ci ricorda l’indifferenza degli albergatori di Betlemme, per i quali non c’era un posto per Maria e Giuseppe.
A
questa preoccupazione se ne aggiungono altre: la guerra in Ucraina che sembra non avere fine, il “caro bollette” che rende incerta la vita di molte nostre famiglie, le speculazioni che fanno lievitare i prezzi dei beni essenziali, gli scandali di corruzione e malgoverno…
Eppure, siamo ancora chiamati ad andare alla grotta di Betlemme per adorare un bambino che è la nostra salvezza. Il nostro andare incontro al Signore che viene, non perde senso né forza per il fatto che ciò che ci circonda è buio e preoccupante. Quel bambino, che è il nostro Salvatore, ancora una volta non si stanca di venire a vivere in mezzo a tutte le nostre contraddizioni, difficoltà ed egoismi.
Proprio questo potrebbe essere l’inizio di un Natale di speranza: la certezza della presenza e della vicinanza del Signore. Una presenza e vicinanza concreta, tangibile, che “vediamo” in quel desiderio del nostro cuore, che nulla riesce a spegnere, che è il desiderio di pace, una pace per tutti, una pace che sia finalmente vera…
Ma c’è di più: il Signore è presente nel nostro impegno quotidiano a vivere bene, nella tenacia che ci fa affrontare ogni giorno le fatiche e le durezze della nostra vita, nel nostro continuare ad andare avanti con decisione e talvolta anche con ostinazione.
Io vedo ancora un Signore presente nella generosità che ogni giorno ritrovo nelle persone che abitano questa nostra terra benedetta, anche se a volte un po’ distratta. Questa capacità che ancora molti hanno di provare compassione di fronte alle difficoltà dell’altro, una compassione che non fa paragoni con le proprie difficoltà, ma sempre rilancia e si mette in movimento con gesti concreti, precisi di generosità, di condivisione, di accoglienza, di vicinanza.
Andiamo con coraggio alla grotta di Betlemme per scoprire ancora una volta un Dio appassionato alla nostra vita, un Dio che ama stare con noi, talvolta nascondendosi nelle pieghe oscure della nostra storia.
Andiamo alla grotta e troveremo Gesù in un incontro che ha il sapore delle cose che desideriamo profondamente, che ci rendono umani e attenti agli altri, che ha il sapore buono di realtà e gesti di compassione e condivisione.
Alla grotta preghiamo il nostro salvatore perché tocchi i cuori che si sono chiusi nell’egoismo, negli interessi di parte, i cuori che hanno perso la compassione e l’umanità e non sono più capaci di vergogna.
Andiamo alla grotta e, se ci facciamo toccare da Lui, ci sarà ancora una possibilità per la pace, per la giustizia, per la solidarietà.
Andiamo con gioia a vivere il nostro Natale con il Salvatore del mondo, col principe della Pace, con il Dio con noi.

Monsignor Marco Prastaro
vescovo di Asti

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale