La Nuova Provincia > Attualità > Mombercelli, per le vaccinazioni gazebo anticovid all’esterno degli ambulatori medici
Attualità Costigliole - San Damiano -

Mombercelli, per le vaccinazioni gazebo anticovid all’esterno degli ambulatori medici

Una proposta dei medici di famiglia raccolta dal Comune e realizzata con la collaborazione della protezione civile

A Mombercelli e nei paesi della zona

Iniziativa dell’amministrazione comunale di Mombercelli, nell’Astigiano, in collaborazione con i medici di famiglia del territorio, per un apposito servizio di vaccinazione allestito all’esterno degli ambulatori medici comunali, al fine di preservare gli stessi ambulatori medici da assembramenti e contatti prolungati con soggetti asintomatici.
Il servizio ha preso il via nella giornata di oggi, lunedì, e interesserà non solo il paese di Mombercelli, ma anche i paesi vicini. «L’idea è stata proposta dai medici, che hanno pensato ad una modalità di vaccinazione antinfluenzale veloce e sicura. Abbiamo subito aderito come Comune, sostenendo l’iniziativa attraverso l’allestimento dei gazebo e facendoci carico delle spese – spiega il sindaco di Mombercelli Ivan Ferrero – Il gazebo è riscaldato e attrezzato di tutto il necessario per svolgere il servizio. Ringraziamo il Nucleo di Protezione civile di Isola che ci supporta nell’intera gestione del servizio sul posto: i volontari si sono adoperati per coprire tutti i turni necessari. La loro opera è preziosa: senza di loro non avremmo potuto assicurare il servizio, perché fondamentale è la loro presenza all’esterno del gazebo per gestire l’arrivo di auto e persone ed evitare che si formino code o assembramenti».
Ad inaugurare il nuovo servizio a favore delle comunità della zona è stato oggi Rino Simoncello, con gli altri volontari del gruppo isolano sempre disponibile a portare concreto sostegno alle necessità del territorio. «Si tratta di un servizio davvero prezioso – aggiunge il sindaco Ferrero – È importante tutelare in particolare le fasce più deboli della nostra società, offrendo loro l’accesso ai vaccini in tutta sicurezza; così come è importante non gravare sugli ambulatori medici, già normalmente punto di incontro di tante persone, soprattutto anziane».

Marta Martiner T.